Giornale, nUMERO 9 DEL 9 NOVEMBRE 2017

Omicidi dell’ “incuria” di Stato

Caro Operai Contro, nel 2014 l’edificio che ospita l’asilo di Pontirolo Nuovo (Bg) era stato completamente “riqualificato” con una spesa di 2 milioni di euro. L’altro giorno il soffitto è […]

Caro Operai Contro,

nel 2014 l’edificio che ospita l’asilo di Pontirolo Nuovo (Bg) era stato completamente “riqualificato” con una spesa di 2 milioni di euro. L’altro giorno il soffitto è crollato, sfondando anche il controsoffitto. E’ stato un puro caso che non vi siano stati feriti o peggio, dal momento che l’edificio oltre l’asilo ospita altre attività.

Nell’Italia dei carrozzoni elettorali dei partiti, degli appalti caramellosi e delle malte senza cemento,

stavolta ha ceduto un asilo dopo neanche 3 anni dalla ristrutturazione.

Al 1° posto strade senza guard rail, specialmente in prossimità di burroni, con un alto numero di vittime, ponti e sopraelevate crollate o chiuse perché prossime al cedimento,

Al 2° posto insieme all’asilo di Pontirolo, il lungo elenco di scuole, ospedali, edifici pubblici crollati e pericolanti che hanno causato gravi “incidenti”, come i bambini rimasti uccisi dal crollo della scuola.

Al 3° posto l’incuria di argini, territori e zone montuose, senza manutenzione favoriscono smottamenti, allagamenti e disastri, con un alto numero di morti. Per deviare le responsabilità danno la colpa alle bombe d’acqua, ma forse centrano di più le bombe –mazzette.

Resiste sempre al 4° posto, la strada che ha ceduto dopo una settimana dall’inaugurazione.

Invito i lettori a segnalare altre “impreviste fatalità” per completare la classifica degli omicidi di Stato nella cosa pubblica.

Un caldo saluto da un lettore della Valganna (VA)

Allego due estratti presi da: L’Eco di Bergamo e da: La Stampa.

 

Estratto da: L’Eco di Bergamo

Pontirolo Nuovo, cede il soffitto. L’asilo nido chiude per due settimane.

Il «condominio solidale» di Pontirolo Nuovo è stato chiuso al pubblico a causa del distaccamento di pezzi di laterizi e cemento dal soffitto che poi, cadendo, hanno anche sfondato il controsoffitto.

Un problema non da poco visto che lo stabile, ex scuola elementare del paese completamente riqualificata nel 2014 con una spesa di due milioni di euro, potrà riaprire tra solo circa due settimane. Certo è che il distaccamento, avvenuto sabato, non ha causato feriti. Un colpo di fortuna: lo stabile, infatti, è molto frequentato visto che al suo interno, come detto, si trovano diversi servizi come la scuola di musica oltre che di arte e teatro, ed è la sede di varie associazioni del paese.

 

Estratto da: La stampa

All’ospedale di Siena crolla un controsoffitto, avviata un’indagine.

Cinque persone sono rimaste ferite in maniera non grave nel crollo di un controsoffitto di lamiere all’ospedale Santa Maria delle Scotte di Siena. Il cedimento in un corridoio che porta al reparto di Medicina nucleare, l’area è stata subito chiusa. Ancora da chiarire le cause dell’incidente che poteva avere conseguenze peggiori; sembra che il controsoffitto fosse interessato da lavori di illuminazione. L’azienda ospedaliera ha avviato un’indagine interna anche a scopo preventivo. “Mi scuso per il disagio e per il forte spavento”, dice il direttore generale dell’ospedale.

Lascia una risposta