Giornale, Numero 16 del 16 giugno 2017

Fca Sata di Melfi lascia a casa i lavoratori in somministrazione

redazione di operai contro, Sono ormai due settimane che i lavoratori somministrati della centrale vernici della Fiat Sata di Melfi sono a casa senza lavoro. La Fca ha deciso di internalizzare […]

redazione di operai contro,

Sono ormai due settimane che i lavoratori somministrati della centrale vernici della Fiat Sata di Melfi sono a casa senza lavoro. La Fca ha deciso di internalizzare l’appalto precedentemente affidato alla Ppg Service Sud Srl, assumendo direttamente i lavoratori che svolgono la propria attività nella centrale vernici di Sata. “Solo alcuni però: i lavoratori in somministrazione nel passaggio da Ppg a Fca sono stati lasciati a casa. Non si tratta tecnicamente di un licenziamento, ma lo è nei fatti: attraverso la modalità del mancato rinnovo del contratto di somministrazione”.

Gli operai della Ppg, nel passaggio, hanno perso parte del salario e dei trattamenti di miglior favore che venivano loro applicati grazie al contratto collettivo nazionale di lavoro. Com’è noto infatti il contratto Fiat prevede condizioni inferiori al contratto Federmeccanica-Assistal: un lavoratore di terzo livello, ad esempio, ha perso nel passaggio 76,09 euro mensili, pari a 989,17 euro l’anno. Inoltre sarà sottoposto a una maggiore flessibilità a vantaggio dell’azienda (prevista dal contratto Fca) rispetto a quanto consentito in precedenza dal contratto nazionale: orari di lavoro, permessi retribuiti, straordinari comandati”.

Se qualche operaio si aspettava delle iniziative di lotta almeno dalla FIOM si sbagliava.

La Fiom lascia inculare tranquillamente gli operai

Un operaio FCA

Lascia una risposta