Giornale, Numero 231 del 30 novembre 2015

PADOAN: I TERRORISTI FANNO FALLIRE I MIEI CONTI

Redazione di Operai Contro,. Padoan, l’imbroglione al servizio di Renzi, non ha nessuna regola. Per mesi ci ha nauseato con le sue ridicole dichiarazioni sull’uscita dalla crisi, ora che è […]

Redazione di Operai Contro,.

Padoan, l’imbroglione al servizio di Renzi, non ha nessuna regola.

Per mesi ci ha nauseato con le sue ridicole dichiarazioni sull’uscita dalla crisi, ora che è evidente che non siamo usciti dalla crisi, Padoan ha trovato il perchè

Vi invio un articolo del Corriere

Un lettore

Al momento non abbiamo elementi concreti che ci inducano a rivedere quella cifra”. Così il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, interviene su Twitter sul rischio di dover rivedere al ribasso le stime di crescita per il 2015, fissate a +0,9% a causa della paura scatenata dagli attacchi terroristici a Parigi.

Il ministro dell’Economia, in un’intervista al Corriere della Sera, ha aggiunto: “Gli italiani hanno la corretta percezione che stiamo uscendo dalla crisi. E questo conta molto, sia per la fiducia sia per l’economia”, aggiunge Padoan. “La fiducia delle famiglie e delle imprese è un elemento essenziale per l’andamento dell’economia. Ed è molto importante, come ci ha appena detto l’Istat, che questo dato sia in crescita”, è la premessa del ministro dell’Economia, che sottolinea come l’incremento dello 0,9% “non è un obiettivo, è una previsione. E quando si fa una previsione c’è sempre il rischio di doverla rivedere al rialzo o al ribasso. Non dimentichiamoci che influisce anche un rallentamento delle economie di altri Paesi, cominciato ben prima degli attentati”, ma “poi bisogna tener conto anche delle misure di reazione decise dal governo, con i 2 miliardi sugli interventi per la sicurezza e la cultura”.

Quanto al via libera dell’Ue sugli investimenti, Padoan afferma che “noi non chiediamo nulla che non sia già previsto dalle regole sulla flessibilità che parlano di investimenti e di circostanze eccezionali, come i migranti e il terrorismo”. E comunque assicura che non ci sarà nessuno sfondamento del tetto del 3% sul deficit/Pil: “Il deficit continuerà a scendere e da qui a primavera l’Italia dimostrerà che ci sono tutti i requisiti per il via libera. Non ci sarà nessuna procedura d’infrazione, non siamo mica andati allo sbaraglio”.

Su quanto detto da Padoan è intervenuta anche la Pinotti: “Un avvenimento come quello di Parigi è una doccia gelata per tutti, non c’è dubbio. Parigi è come se fosse una nostra città e il fatto che avvenimenti come questi possano fermare la fiducia, è un elemento che esiste. E’ un rischio che potrebbe esserci, ma speriamo di no: se lo evitiamo evitiamo quello che i terroristi vogliono”. Lo ha detto il ministro della Difesa Roberta Pinotti a “L’intervista” di Maria Letella su Sky Tg 24, in merito alle parole del ministro Padoan.

Lascia una risposta