Giornale, Numero 051 del 17 maggio 2015

MATTARELLA SI TAGLIA LO STIPENDIO?

Redazione di Operai Contro, Mattarella è grande “Il Presidente della Repubblica, il 27 febbraio scorso, ha disposto la riduzione dell’assegno a lui spettante per legge, in corrispondenza dell’ammontare del suo […]

Redazione di Operai Contro,

Mattarella è grande

“Il Presidente della Repubblica, il 27 febbraio scorso, ha disposto la riduzione dell’assegno a lui spettante per legge, in corrispondenza dell’ammontare del suo trattamento pensionistico”. A precisarlo è una nota del Quirinale che risponde ad alcune notizie di stampa relative agli stipendi del Colle. Il Presidente della Repubblica, con il decreto del 23 febbraio 2015, ha disposto, nei confronti di tutti i soggetti che svolgono funzioni all’interno della Presidenza, l’introduzione del divieto di cumulo delle retribuzioni con trattamenti pensionistici erogati da pubbliche amministrazioni“, si legge nella nota del Colle.

Non so quante pensioni prenda Mattarella, in ogni caso doveva già essere applicato.

“Questo divieto è previsto dalla legge 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1, comma 489

In ogni caso penso che Mattarella abbia accumulato già diversi milioni

Non capisco perchè prenda un compenso come Presidente della Repubblica.

Non paga l’affitto, non paga luce e gas, non deve spendere per mangiare, ha decine di camerieri, dispone di auto blu con autista, ecc

Mattrella la smettiamo di farci pubblicità a buon mercato

Un lettore

1 Comment

  1. luigi

    Il curriculum del neo-presidente è lungo e prestigioso. Nonostante ciò, Mattarella ama conservare abitudini e tenore di vita umili, cominciare dal trilocale di 50 metri a due passi dal Quirinale. Niente sfarzi nemmeno al volante, con la sua ormai proverbiale Panda grigia. Eppure qualche soldo in tasca il Capo dello Stato se lo ritrova. A giudicare dai calcoli del Fatto quotidiano, per esempio, i 25 anni in Parlamento (dal 1983 all’aprile 2008) gli hanno fruttato una “liquidazione” da 234mila euro, con vitalizio da 9.363 euro al mese percepito dal 2008 all’ottobre 2011, quando Mattarella è stato eletto alla Corte Costituzionale: in tutto, 400mila euro. In più ci sono i compensi da membro del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, il Csm del Tar, carica presieduta dall’aprile 2009 all’ottobre 2011: 65mila euro l’anno più benefit. Dal 2011, infine, Mattarella come detto è stato giudice costituzionale. Il suo stipendio si calcola in base al compenso del primo giudice della Cassazione aumentato del 50%, più una “indennità giornaliera di presenza pari a un trentesimo della retribuzione mensile spettante ai giudici ordinari”. Fino allo scorso giugno erano circa 470mila euro all’anno. Poi è scattato il tetto di 240mila euro per i giudici che ha di fatto abbassato lo stipendio anche ai membri della Consulta a circa 400mila euro. In tutto, secondo il Fatto, Mattarella guadagnerebbe all’anno circa un milione e mezzo di euro, cui si deve aggiungere la pensione da professore universitario (assistente e poi docente di diritto parlamentare a Palermo dal 1965 al 1983): circa 80mila euro l’anno. Calcolo complessivo, 2,8 milioni di euro dal 2008 ad oggi.

Lascia una risposta