Giornale, Numero 941 del 27 gennaio 2015

IL GIORNO DELLA MEMORIA

7 gennaio 1945 – 27 gennaio 2015: Giorno della Memoria, per non dimenticare. Per non dimenticare il tentativo di sterminare il popolo ebraico operato dalla borghesia tedesca con la complicità […]

7 gennaio 1945 – 27 gennaio 2015: Giorno della Memoria, per non dimenticare.

Per non dimenticare il tentativo di sterminare il popolo ebraico operato dalla borghesia tedesca con la complicità della borghesia italiana e il silenzio delle altre borghesie occidentali.

Milioni di ebrei furono massacrati. La guerra mondiale e lo sterminio degli ebrei furono gli strumenti con cui il capitalismo e le borghesie di tutto il mondo affrontarono la crisi economica.

Il 27 gennaio del 1945 le truppe sovietiche dell’Armata Rossa entrarono ad Auschwitz. E videro. Videro donne e uomini ‘senza capelli e senza nome’. Li videro, fermi, ‘senza più forza di ricordare’, senza pace, senza amore, rapiti di tutto. Vivi e derubati della vita, per sempre. Accanto ai superstiti, le ossa nelle fosse comuni, il gas delle docce, la cenere dei forni crematori. Alla fine la conta fu ed è quasi impronunciabile: 6 milioni di ebrei. Senza dimenticare il massacro di circa 500mila persone tra Rom e Sinti.

I borghesi di tutto il mondo continuano a massacrare i popoli: dalla Palestina, all’Afghanistan, ecc

sabra-et-shatila

massacro di palestinesi a sabra et shatila

La strage di Gaza del 2014

gaza5

In Italia sono aperti i CIE campi di concentramento per immigrati

cie13

Oggi che i borghesi si preparano ad una nuova guerra per difendere il loro profitto, noi operai non dobbiamo dimenticare

memoria 2

 

                                      intervista a Primo Levi

Nella foto i bombardamenti di Gaza

Lascia una risposta