LO SVILUPPO DELL’AUTO ELETTRICA: 40 MILA BAMBINI MINATORI.

Il cobalto è un elemento base per la produzione delle nuove batterie. Estratto nelle miniere del Congo per le grandi industrie cinesi americane ed europee vi lavorano centinaia di migliaia di minatori di cui una buona parte bambini.

Il cobalto è un elemento base per la produzione delle nuove batterie. Estratto nelle miniere del Congo per le grandi industrie cinesi americane ed europee vi lavorano centinaia di migliaia di minatori di cui una buona parte bambini.

L’auto del futuro è elettrica, pulita, etica e sostenibile, così recitano molte pubblicità. Gran parte delle nuove applicazioni elettroniche (cellulari, tablet, computer, ecc) sono possibili grazie alle nuove batterie al cobalto. Il cobalto ha un gran pregio: stabilizza la carica e allunga la durata del “pieno” delle batterie. Il 60% della produzione mondiale del metallo arriva dalle miniere della Repubblica Democratica del Congo. Da tempo si è scatenata la guerra tra le multinazionali per impadronirsi delle miniere del cobalto. Gli operai e gli operai- bambini pagano il prezzo degli altissimi profitti dei padroni.

Nella Repubblica Democratica del Congo grande è la ricchezza delle materie prime, più feroce è lo sfruttamento e la povertà.

“oltre il 53% del cobalto in circolazione nel 2016 veniva estratto in RDC (66mila tonnellate su circa 123mila). È comprensibile quindi che la RDC sia oggi una destinazione molto ambita per le multinazionali, sia quelle che si occupano di estrazione, sia quelle che muovono le migliaia di tonnellate estratte verso le raffinerie – localizzate per la maggior parte in Cina.”

Diverse multinazionali fanno profitti con il cobalto del Congo. Industrie come Glencore, CDM, Randgold, China Molybdenum e altre hanno indirizzato le loro attività in RDC; ad esempio, gli svizzeri di Glencore concentrano nelle loro mani uno spaventoso 35% dell’intera produzione mondiale. Molte industrie hanno aperto stabilimenti in diretta prossimità dei siti estrattivi (da Volkswagen ad Apple, da Microsoft a Huawei).

Lo sfruttamento dei minatori è feroce. Incidenti e morti sono frequenti. Gli orari di lavoro superano spesso le 12 ore giornaliere, guadagnando in media uno o due dollari. L’esposizione a polveri contenenti cobalto causa malattie, asma e riduzione della funzione polmonare. L’ UNICEF ha stimato in circa 40.000 i bambini dai 6 ai 7 anni che lavorano quotidianamente nelle miniere.

Il Cobalto del Congo è un esempio della lotta tra le grandi industrie capitalistiche per impossessarsi delle materie prime. Evitiamo volutamente di chiamarle semplicemente “multinazionali”, anche se va di moda. Sono imprese capitalistiche, grandi, che operano in diversi paesi ma che conservano comunque una base nazionale e che vanno combattute non in quanto “multinazionali” ma in quanto fondate sullo sfruttamento operaio.

Fanno ridere coloro che auspicano la fine delle “multinazionali” sognando un capitalismo democratico, senza sfruttamento, fondato sulla libera concorrenza. È proprio la libera concorrenza che ha prodotto prima la concentrazione della produzione, quindi il monopolio ed un nuovo livello di concorrenza mondiale, con la sua lotta per accaparrarsi le materie prime.

Se le guerre per il petrolio sono iniziate in Medio Oriente (Iraq, Iran, Afghanistan, Siria, ecc)

Altre guerre si preparano.

In Libia ancora una volta per il petrolio. Nel resto dell’Africa per molte materie prime necessarie all’industria capitalista.

L.S.

Le notizie sono tratte da un articolo di Marco Simoncelli su Nigrizia da una inchiesta di Amnesty International e Afrewatch.

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.