GLI OPERAI STANNO CON GLI IMMIGRATI DELLA SEA WATCH BISOGNA FARLI SBARCARE A LAMPEDUSA SUBITO TENERLI ANCORA IN MARE E’ UN ATTO CRIMINALE DEL GOVERNO ITALIANO

Riceviamo e pubblichiamo un appello di operaie ed operai metalmeccanici della FCA (ex FIAT) e di altre fabbriche, lo spediremo all’equipaggio della nave, ai naufraghi che ha salvato, chè si sappia che in questo paese la solidarietà degli operai verso i poveri come loro non è morta, ma che anzi si sta rimettendo in moto e si farà sentire. Noi operai in questa società siamo poveri. Produciamo tutto, ma abbiamo poco. I rappresentanti della piccola borghesia al governo fanno i duri con i deboli, ma calano la testa di fronte ai padroni. A parte le chiacchiere, di fronte ai […]

Riceviamo e pubblichiamo un appello di operaie ed operai metalmeccanici della FCA (ex FIAT) e di altre fabbriche, lo spediremo all’equipaggio della nave, ai naufraghi che ha salvato, chè si sappia che in questo paese la solidarietà degli operai verso i poveri come loro non è morta, ma che anzi si sta rimettendo in moto e si farà sentire.

Noi operai in questa società siamo poveri.

Produciamo tutto, ma abbiamo poco.

I rappresentanti della piccola borghesia al governo fanno i duri con i deboli, ma calano la testa di fronte ai padroni. A parte le chiacchiere, di fronte ai rappresentanti del grande capitale nel parlamento europeo sono sempre pronti alla mediazione al ribasso.

Rispetto ai padroni nazionali fanno la stessa cosa, aiutandoli in ogni modo con finanziamenti diretti e indiretti.

Delle condizioni dei poveri se ne fregano. Quando noi operai perdiamo il posto di lavoro sono solo disposti a darci un pò di cassa integrazione a tempo, spendendo il meno possibile.

Con i migranti però, fanno i forti. Con gli ultimi degli ultimi alzano la testa ed esprimono tutta la miseria morale e la limitatezza della classe di appartenenza. Non sono capaci di lottare contro quelli che sono i diretti responsabili del peggioramento delle loro condizioni economiche e sociali, i padroni, ma sono pronti a dare addosso al “negro” martoriato da fame, guerre e torture, diretta conseguenza dello sfruttamento dell’Africa da parte dei padroni dei paesi ricchi.

E anche in questo caso lo fanno senza mettere in discussione l’interesse dei padroni.

La stessa determinazione dimostrata dai vari Salvini e Toninelli contro i migranti della Sea Watch non viene messa in campo contro i proprietari terrieri che sfruttano lo stesso “negro” nelle campagne. In quel caso si turano tutti i buchi sensibili per non mettere in discussione il profitto.

Noi operai siamo dalla parte degli ultimi. Siamo con i migranti della Sea Watch. E con gli operai africani sfruttati nelle campagne italiane.

Impedire lo sbarco dei naufraghi è un atto criminale di un governo di chi ha la pancia piena e il culo al caldo e specula sui poveri per un pugno di voti.

Anche se oggi noi operai non riusciamo ad aprire i porti con la forza delle manifestazioni di massa, diciamo ai fratelli della Sea Watch che per noi operai i porti devono essere aperti e loro devono avere subito la possibilità di sbarcare a Lampedusa.

Come i portuali di Genova anche noi gridiamo benvenuti.

Mimmo Mignano, operaio licenziato Fca Pomigliano

Domenico De Stradis, operaio Fca Melfi

Maria Sepe, operaia Fca Pomigliano

Donato Auria, operaio Melfi

Tonino Innocenti, operaio licenziato Fca Melfi

Antonio Montella, operaio licenziato Fca Pomigliano

Teresa Elefante – operaia Fca Mirafiori

Antonio Cordino – operaio licenziato Ambiente Spa

Stefania Fantauzzi – operaia Fca Termoli

Donato Di Santo, operaio Fca Melfi

Andrea Tortora, operaio Fca Nola

Andrea Dorio, operaio Polo di mantenimento pesante sud – Nola

Andrea Di Paolo – operaio Fca Termoli

Francesco Ferrentino – operaio Fca Melfi

Marco Cusano – operaio licenziato Fca Pomigliano

Ezio Elia – operaio CNHI Torino

Ciro D’Oria – operaio Fca Nola

*elenco delle firme in aggiornamento*

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.