FRANCIA: LA RIVOLTA CONTINUA

Gli operai francesi non si sono lasciati ingannare dalle promesse di Macron e dei padroni francesi. Dalla comune di Parigi gli operai e i lavoratori francesi non hanno avuto e non hanno paura di scontrarsi con esercito e polizia dei padroni. Sconfitti e massacrati sono sempre ridiscesi in campo. Dopo molte settimane i padroni non sono riusciti a fermarli Primi scontri a Parigi fra i gilet gialli e la polizia. La polizia ha lanciato gas lacrimogeni e i manifestanti hanno dato fuoco ad alcuni cassonetti. A piccoli gruppi, da Montmartre, i gilet gialli sono ora in diversi quartieri di […]

Gli operai francesi non si sono lasciati ingannare dalle promesse di Macron e dei padroni francesi.
Dalla comune di Parigi gli operai e i lavoratori francesi non hanno avuto e non hanno paura di scontrarsi con esercito e polizia dei padroni.
Sconfitti e massacrati sono sempre ridiscesi in campo.
Dopo molte settimane i padroni non sono riusciti a fermarli
Primi scontri a Parigi fra i gilet gialli e la polizia. La polizia ha lanciato gas lacrimogeni e i manifestanti hanno dato fuoco ad alcuni cassonetti.
A piccoli gruppi, da Montmartre, i gilet gialli sono ora in diversi quartieri di Parigi, dagli Champs-Elysées a place de la Concorde.ù
La polizia protegge gli ingressi alle strade che portano all’Eliseo e a palazzo Matignon, sede del governo.

La rivolta inizia in Belgio. Centinaia di rivoltosi per le strade di Namur, capitale della Vallonia, in Belgio. “E’ tempo di passare all’azione e mostrare che si possono cambiare le cose”, ha detto un manifestante. “Abbiamo tutti delle difficoltà ed è insopportabile essere oppressi quotidianamente in questo modo”, ha aggiunto chiedendo misure in favore del potere d’acquisto delle famiglie
Domani ancora scontri

Un giovane

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.