DOPO L’ILVA DI TARANTO ORA TOCCA ALL’ILVA DI CORNIGLIANO

Redazione di Operai Contro, Adesso tocca all’Ilva di Genova. Si tiene oggi (mercoledì 17 gennaio) a Roma il “tavolo tecnico” sullo stabilimento di Cornigliano. 1500 dipendenti Obiettivo del vertice odierno è approfondire i temi legati al sito produttivo alla luce dell’Accordo di programma siglato nel 2005. L’Accordo prevede che, a fronte della chiusura degli impianti a caldo per motivi ambientali, vengano garantiti i livelli di occupazione e di reddito. I nuovi acquirenti, però, sono intenzionati a non riconoscere quell’intesa, avviando la procedura per circa 600 esuberi. Il segretario generale della Fiom Cgil genovese, Bruno Manganaro, scarica gli operai dell’ILVA […]

Redazione di Operai Contro,

Adesso tocca all’Ilva di Genova. Si tiene oggi (mercoledì 17 gennaio) a Roma il “tavolo tecnico” sullo stabilimento di Cornigliano. 1500 dipendenti

Obiettivo del vertice odierno è approfondire i temi legati al sito produttivo alla luce dell’Accordo di programma siglato nel 2005. L’Accordo prevede che, a fronte della chiusura degli impianti a caldo per motivi ambientali, vengano garantiti i livelli di occupazione e di reddito.

I nuovi acquirenti, però, sono intenzionati a non riconoscere quell’intesa, avviando la procedura per circa 600 esuberi.

Il segretario generale della Fiom Cgil genovese, Bruno Manganaro, scarica gli operai dell’ILVA di Taranto e afferma:”provino a mediare sui numeri, collegando la situazione di Genova con quella tarantina. Ma noi siamo gli unici ad avere l’Accordo di programma e lo faremo valere in modo determinato”..

La FIOM di Genova scarica Taranto. Veramente un grande regalo al padrone. Gli operai di Genova contro quelli di taranto.

Un operaio di Cornigliano

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.