Archive for 11 Gennaio, 2018

  • Redazione di Operai Contro, la Tunisia è il paese che i padroni occidentali presentavano come un modello contro la rivolta dei giovani arabi. Erano menzogne. In Tunisia la miseria e la disoccupazione crescono. Le carceri sono piene di giovani. Il governo non è altro che una dittatura. Le proteste sono riprese per le strade della Tunisia.Gli operai Tunisini sono impegnati in prima fila nella protesta Un operaio Tunisino Cronaca dal fatto In Tunisia, il paese che dal 2011 è stato eretto a modello della transizione dopo la primavera araba, va in scena un nuovo gennaio di proteste. Ancora una […] 0

    Tunisia, proteste e scontri

    Redazione di Operai Contro, la Tunisia è il paese che i padroni occidentali presentavano come un modello contro la rivolta dei giovani arabi. Erano menzogne. In Tunisia la miseria e la disoccupazione crescono. Le carceri sono piene di giovani. Il governo non è altro che una dittatura. Le proteste sono riprese per le strade della Tunisia.Gli operai Tunisini sono impegnati in prima fila nella protesta Un operaio Tunisino Cronaca dal fatto In Tunisia, il paese che dal 2011 è stato eretto a modello della transizione dopo la primavera araba, va in scena un nuovo gennaio di proteste. Ancora una […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Embraco, azienda del gruppo Whirlpool, ha annunciato il licenziamento collettivo di 497 operai sui 537 occupati nello stabilimento di Riva di Chieri (Torino).Questo è il regalo della Befana. Mattarella stara zitto. Il conte Gentiloni continuerà a ripetere che grazie al Pd è aumentata l’occupazione. I leccaculo dei giornali e della televisione continueranno a ripetere che l’Italia è in crescita. La notizia dei licenziamenti arriva a tre mesi dalla decisione dell’azienda di ridurre i volumi produttivi assegnati allo stabilimento torinese, che produce compressori per frigoriferi, delocalizzando la produzione in altre fabbriche del gruppo. “Chiudiamo Riva di Chieri, […] 0

    EMBRACO (Azienda del gruppo Whirlpool) LICENZIA 500 OPERAI

    Redazione di Operai Contro, Embraco, azienda del gruppo Whirlpool, ha annunciato il licenziamento collettivo di 497 operai sui 537 occupati nello stabilimento di Riva di Chieri (Torino).Questo è il regalo della Befana. Mattarella stara zitto. Il conte Gentiloni continuerà a ripetere che grazie al Pd è aumentata l’occupazione. I leccaculo dei giornali e della televisione continueranno a ripetere che l’Italia è in crescita. La notizia dei licenziamenti arriva a tre mesi dalla decisione dell’azienda di ridurre i volumi produttivi assegnati allo stabilimento torinese, che produce compressori per frigoriferi, delocalizzando la produzione in altre fabbriche del gruppo. “Chiudiamo Riva di Chieri, […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, a Modena il 9 Gennaio 1950 la polizia uccise sei operai: ARTURO 21 ANNI, ENNIO 21 ANNI, RENZO 21 ANNI, ANGELO 30 ANNI, ROBERTO 36 ANNI, ARTURO 43 ANNI Operai: questi sono i nostri fratelli che sono morti alle FONDERIE RIUNITE ORSI DI MODENA il 9 gennaio 1950. Altri morti ci furono nei mesi successivi a PORTO MARGHERA, PARMA, LENTEL, CELANO ECC.. lottavano contro i licenziamenti, uccisi per mano di polizia e carabinieri appostati sui tetti e di uno “stato democratico e repubblicano appena uscito dalla resistenza”; il governo era quello del democristiano DE GASPERI, […] 0

    MODENA 9 GENNAIO 1950: LA STRAGE DELLE FONDERIE RIUNITE

    Redazione di Operai Contro, a Modena il 9 Gennaio 1950 la polizia uccise sei operai: ARTURO 21 ANNI, ENNIO 21 ANNI, RENZO 21 ANNI, ANGELO 30 ANNI, ROBERTO 36 ANNI, ARTURO 43 ANNI Operai: questi sono i nostri fratelli che sono morti alle FONDERIE RIUNITE ORSI DI MODENA il 9 gennaio 1950. Altri morti ci furono nei mesi successivi a PORTO MARGHERA, PARMA, LENTEL, CELANO ECC.. lottavano contro i licenziamenti, uccisi per mano di polizia e carabinieri appostati sui tetti e di uno “stato democratico e repubblicano appena uscito dalla resistenza”; il governo era quello del democristiano DE GASPERI, […]

    Continue Reading