Archive for 8 Gennaio, 2018

  • I migranti sono un pretesto per militarizzare lo spazio del Sahel. In effetti, da tempo immemorabile, questa area di raccordo col deserto del Sahara è stata un luogo di scambi commerciali e di migrazioni umane. Fino ai nostri giorni l’Africa occidentale è tra le zone del mondo a più alta percentuale di mobilità umana. La maggior parte degli spostamenti si realizza peraltro all’interno dell’area citata. Una minima parte dei migranti si avventura verso il nord Africa e una parte ancora più ridotta cerca di transitare in Europa. La guerra contro i migranti non è cominciata oggi. Uno sguardo anche […] 0

    Lettera dal Niger: La guerra perduta del Sahel

    I migranti sono un pretesto per militarizzare lo spazio del Sahel. In effetti, da tempo immemorabile, questa area di raccordo col deserto del Sahara è stata un luogo di scambi commerciali e di migrazioni umane. Fino ai nostri giorni l’Africa occidentale è tra le zone del mondo a più alta percentuale di mobilità umana. La maggior parte degli spostamenti si realizza peraltro all’interno dell’area citata. Una minima parte dei migranti si avventura verso il nord Africa e una parte ancora più ridotta cerca di transitare in Europa. La guerra contro i migranti non è cominciata oggi. Uno sguardo anche […]

    Continue Reading

  • PER IL DIBATTITO La redazione di Scintilla inizia il nuovo anno con un proposito chiaro: vogliamo fare ancor più di Scintilla il giornale politico del proletariato rivoluzionario, dei settori avanzati e combattivi della classe operaia, dei suoi militanti più impegnati nella lotta per rovesciare l’attuale piramide sociale ed emancipare la società dall’anacronistica proprietà privata.Un giornale che sviluppi la battaglia su tutti e tre i fronti della lotta di classe (politico, teorico ed economico), svolgendo una funzione di portabandiera della parola d’ordine del partito indipendente e rivoluzionario del proletariato, che nella sua azione riassume questi tre fronti per realizzare l’egemonia […] 0

    SCINTILLA

    PER IL DIBATTITO La redazione di Scintilla inizia il nuovo anno con un proposito chiaro: vogliamo fare ancor più di Scintilla il giornale politico del proletariato rivoluzionario, dei settori avanzati e combattivi della classe operaia, dei suoi militanti più impegnati nella lotta per rovesciare l’attuale piramide sociale ed emancipare la società dall’anacronistica proprietà privata.Un giornale che sviluppi la battaglia su tutti e tre i fronti della lotta di classe (politico, teorico ed economico), svolgendo una funzione di portabandiera della parola d’ordine del partito indipendente e rivoluzionario del proletariato, che nella sua azione riassume questi tre fronti per realizzare l’egemonia […]

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, Italcementi che già legalmente sfrutta gli operai, potrà altrettanto legalmente inquinare il territorio circostante. Infatti una delibera della regione Basilicata, “ha autorizzato Italcementi a bruciare nel suo cementificio in località Trasanello, alle porte di Matera, ulteriori 48.000 tonnellate all’anno di CDR (Combustibile derivato da rifiuti, cioè rifiuti) e CSS (Combustibile solido secondario, cioè plastiche varie)”. Si noti che le “48.000 tonnellate all’anno” sono “ulteriori” ad una quantità che, come si può notare nell’articolo qui sotto, non è dato sapere ai comuni mortali. Il combustibile ricavato dai rifiuti costa molto meno del combustibile regolare. I padroni anche […] 0

    Se l’Ilva può inquinare per il profitto, Italcementi non sta a guardare

    Caro Operai Contro, Italcementi che già legalmente sfrutta gli operai, potrà altrettanto legalmente inquinare il territorio circostante. Infatti una delibera della regione Basilicata, “ha autorizzato Italcementi a bruciare nel suo cementificio in località Trasanello, alle porte di Matera, ulteriori 48.000 tonnellate all’anno di CDR (Combustibile derivato da rifiuti, cioè rifiuti) e CSS (Combustibile solido secondario, cioè plastiche varie)”. Si noti che le “48.000 tonnellate all’anno” sono “ulteriori” ad una quantità che, come si può notare nell’articolo qui sotto, non è dato sapere ai comuni mortali. Il combustibile ricavato dai rifiuti costa molto meno del combustibile regolare. I padroni anche […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, la vicenda degli operai della Catelfrigo di Castelnuovo, nel modenese, è paradigmatica della condizione odierna.E drammaticamente evidente in questa vertenza la mancanza di una direzione politica, di un partito degli operai che  coordini e diriga l’azione dello scontro con i padroni nel territorio. La maggioranza degli operai della Castelfrigo sono in sciopero da ottobre, una minoranza di crumiri ha continuato a lavorare e viene premiata dal padrone con un nuovo contratto. Gli operai in sciopero vengono tutti licenziati. I sindacati filopadronali fanno i pompieri o sono apertamente dalla parte del padrone.Per gli operai in lotta […] 0

    CASTELFRIGO: NON SCIOPERI, TI RIASSUMO

    Redazione di Operai Contro, la vicenda degli operai della Catelfrigo di Castelnuovo, nel modenese, è paradigmatica della condizione odierna.E drammaticamente evidente in questa vertenza la mancanza di una direzione politica, di un partito degli operai che  coordini e diriga l’azione dello scontro con i padroni nel territorio. La maggioranza degli operai della Castelfrigo sono in sciopero da ottobre, una minoranza di crumiri ha continuato a lavorare e viene premiata dal padrone con un nuovo contratto. Gli operai in sciopero vengono tutti licenziati. I sindacati filopadronali fanno i pompieri o sono apertamente dalla parte del padrone.Per gli operai in lotta […]

    Continue Reading