Libia, la denuncia di Amnesty: “Governi Ue complici degli abusi commessi sui migranti”

Redazione di operai Contro,  Amnesty international in un rapporto diffuso oggi dal titolo “La rete oscura libica della collusione” denuncia che dalla fine del 2016, “i paesi membri dell’Ue – in particolare l’Italia – hanno attuato una serie di misure con l’obiettivo di chiudere la rotta migratoria del Mediterraneo centrale, con poco interesse per le conseguenze dei migranti intrappolati in Libia”.  “I governi europei sono consapevolmente complici della tortura e degli abusi subiti da decine di migliaia di rifugiati e di migranti detenuti dalle autorità libiche in condizioni spaventose”. I governi europei di fatto sostengono “un sistema sofisticato di […]

Redazione di operai Contro,

 Amnesty international in un rapporto diffuso oggi dal titolo “La rete oscura libica della collusione” denuncia che dalla fine del 2016, “i paesi membri dell’Ue – in particolare l’Italia – hanno attuato una serie di misure con l’obiettivo di chiudere la rotta migratoria del Mediterraneo centrale, con poco interesse per le conseguenze dei migranti intrappolati in Libia”.

 “I governi europei sono consapevolmente complici della tortura e degli abusi subiti da decine di migliaia di rifugiati e di migranti detenuti dalle autorità libiche in condizioni spaventose”.

I governi europei di fatto sostengono “un sistema sofisticato di abusi e di sfruttamento dei rifugiati e dei migranti” da parte della Guardia costiera, dei responsabili dei centri di detenzione dei trafficanti, con l’obiettivo di impedire loro di attraversare il Mediterraneo.

“I governi europei – denuncia ancora il direttore dell’ufficio Ue di Amnesty, John Dalhuisen – non solo sono pienamente consapevoli di questi abusi, ma, sostenendo attivamente le autorità libiche per fermare gli attraversamenti in mare e mantenendo la gente in Libia, sono complici di questi crimini” Funzionari della Guardia costiera libica operano notoriamente in collusione con le reti dei trafficanti e ricorrono a violenze e minacce contro rifugiati e migranti che si trovano su imbarcazioni alla deriva.

Il ministro italiano dell’interno Minniti è il principale responsabile

Operai ricordiamocelo i ministri del Pd sono peggiori dei ministri di Mussolini

Un operaio di Torino

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.