Archive for 25 Dicembre, 2015

  • Redazione di Operai Contro, dall’inizio di ottobre sono stati uccisi 133 palestinesi e centinaia incarcerati. E’ il terrorismo dei padroni israeliani I palestinesi continuano la loro lotta contro gli assassini Israeliani Un palestinese Non si ferma la violenza in Israele e Cisgordania. Il giorno della vigilia di Natale scontri e attentati hanno provocato quattro morti e tre feriti. Dall’inizio di ottobre nella regione sono morte 156 persone, di cui 133 palestinesi, 22 israeliani e 3 stranieri. Tra i palestinesi oltre la metà delle vittime erano aggressori (o presunti aggressori) di israeliani, mentre gli altri hanno perso la vita durante manifestazioni […] 0

    Cisgiordania, il Natale degli assassini israeliani: 4 palestinesi uccisi dall’esercito israeliano

    Redazione di Operai Contro, dall’inizio di ottobre sono stati uccisi 133 palestinesi e centinaia incarcerati. E’ il terrorismo dei padroni israeliani I palestinesi continuano la loro lotta contro gli assassini Israeliani Un palestinese Non si ferma la violenza in Israele e Cisgordania. Il giorno della vigilia di Natale scontri e attentati hanno provocato quattro morti e tre feriti. Dall’inizio di ottobre nella regione sono morte 156 persone, di cui 133 palestinesi, 22 israeliani e 3 stranieri. Tra i palestinesi oltre la metà delle vittime erano aggressori (o presunti aggressori) di israeliani, mentre gli altri hanno perso la vita durante manifestazioni […]

    Continue Reading

  • dal Fattoquotidiano Hanno montato i gazebo e apparecchiato le tavole, portato vino e caffè per scaldarsi, e appeso qualche decorazione per creare l’atmosfera. “Ci hanno rubato il Natale, ma noi lo festeggeremo lo stesso, davanti alla nostra fabbrica“. Non abbandonano l’azienda nemmeno per le feste i 558 operai della Saeco, storico produttore di macchine da caffè, con sede a Gaggio Montano, sull’Appennino bolognese. Qui i lavoratori sono in presidio permanente, 24 ore su 24, da fine novembre, da quando la Philips, multinazionale proprietaria del marchio, ha annunciato 243 esuberi e lo spostamento di parte della produzione in Romania, dove […] 0

    Operai Saeco in presidio

    dal Fattoquotidiano Hanno montato i gazebo e apparecchiato le tavole, portato vino e caffè per scaldarsi, e appeso qualche decorazione per creare l’atmosfera. “Ci hanno rubato il Natale, ma noi lo festeggeremo lo stesso, davanti alla nostra fabbrica“. Non abbandonano l’azienda nemmeno per le feste i 558 operai della Saeco, storico produttore di macchine da caffè, con sede a Gaggio Montano, sull’Appennino bolognese. Qui i lavoratori sono in presidio permanente, 24 ore su 24, da fine novembre, da quando la Philips, multinazionale proprietaria del marchio, ha annunciato 243 esuberi e lo spostamento di parte della produzione in Romania, dove […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, neanche Mussolini tagliava tanti nastri, come quelli tagliati da Renzi. Inaugura l’Expo 2015, inaugura la variante di valico, inaugura le stanze di Pompei Ironicamente qualcuno lo ha invitato a inaugurare il bar che stanno aprendo sotto casa. Renzi deve dimostrare che grazie a lui va tutto bene Mussolini finì  a testa in giu a piazzale Loreto Un vostro lettore   Facebook Comments 0

    IL TAGLIANASTRI

    Redazione di Operai Contro, neanche Mussolini tagliava tanti nastri, come quelli tagliati da Renzi. Inaugura l’Expo 2015, inaugura la variante di valico, inaugura le stanze di Pompei Ironicamente qualcuno lo ha invitato a inaugurare il bar che stanno aprendo sotto casa. Renzi deve dimostrare che grazie a lui va tutto bene Mussolini finì  a testa in giu a piazzale Loreto Un vostro lettore   Facebook Comments

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, la guerra dei padroni contro gli operai non ha tregua. Altro che feste. Gli operai sono massacrati anche durante le feste. Un Lettore Cronaca ANSA Molte persone sono rimaste intrappolate dopo il crollo di una miniera di gesso a Pingyi nella provincia di Shandong. Lo riferiscono i media cinesi, citando fonti delle autorità locali secondo le quali risulterebbero diepsrse almeno 19 persone. Ancora sconosciute le cause dell’incidente che arriva a pochi giorni dalla frana che domenica scorsa ha travolto un centro industriale a Shenzhen. Secondo i soccorsi sarebbero finora alemo 19 i dispersi. Facebook Comments 0

    CINA. CROLLA MINIERA, 19 OPERAI MORTI

    Redazione di Operai Contro, la guerra dei padroni contro gli operai non ha tregua. Altro che feste. Gli operai sono massacrati anche durante le feste. Un Lettore Cronaca ANSA Molte persone sono rimaste intrappolate dopo il crollo di una miniera di gesso a Pingyi nella provincia di Shandong. Lo riferiscono i media cinesi, citando fonti delle autorità locali secondo le quali risulterebbero diepsrse almeno 19 persone. Ancora sconosciute le cause dell’incidente che arriva a pochi giorni dalla frana che domenica scorsa ha travolto un centro industriale a Shenzhen. Secondo i soccorsi sarebbero finora alemo 19 i dispersi. Facebook Comments

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, i cervelli fumanti al sevizio del pensiero dominante, s’interrogano sul perché in Italia le persone morte nel 2015 sono state l’11% in più del 2014. Gli stessi scienziati che hanno trovato del tutto normale, che nei primi otto mesi del 2015 gli operai morti sul lavoro siano addirittura 100 in più (+ 15%), di quelli morti in tutto il 2014, ora sembrano preoccupati possa toccare anche a loro, cadere ingloriosamente nelle insalubri città avvelenate dalla civiltà industriale. Fingono d’ignorare chi sono i soggetti sociali vittime di questa moria. Se il principio guida dei tagli alla sanità […] 0

    Impennata di morti: strage di operai; si cura chi ha i soldi; città avvelenate dal capitalismo

    Caro Operai Contro, i cervelli fumanti al sevizio del pensiero dominante, s’interrogano sul perché in Italia le persone morte nel 2015 sono state l’11% in più del 2014. Gli stessi scienziati che hanno trovato del tutto normale, che nei primi otto mesi del 2015 gli operai morti sul lavoro siano addirittura 100 in più (+ 15%), di quelli morti in tutto il 2014, ora sembrano preoccupati possa toccare anche a loro, cadere ingloriosamente nelle insalubri città avvelenate dalla civiltà industriale. Fingono d’ignorare chi sono i soggetti sociali vittime di questa moria. Se il principio guida dei tagli alla sanità […]

    Continue Reading

  •   Posted: 24 Dec 2015 03:09 AM PST Ripercorriamo velocemente quello che è stato il 2015 in Continental: 1) A gennaio apertura dei Contratti di Solidarietà a fronte di dichiarazione di esuberi nonostante i volumi in aumento. I CdS sono stati interrotti ad aprile per recuperare la produzione persa. 2) Da maggio a settembre assunzione degli interinali per recuperare la produzione persa. 3) Da ottobre a dicembre apertura della Cassa Integrazione Ordinaria per scaricare sull’INPS i costi di quelli che l’azienda ritiene “improduttivi”. Insomma per tutto l’anno la gestione del personale è stata ad uso e consumo dell’azienda che […] 0

    Ricordando il 2015….in attesa di un 2016 migliore

      Posted: 24 Dec 2015 03:09 AM PST Ripercorriamo velocemente quello che è stato il 2015 in Continental: 1) A gennaio apertura dei Contratti di Solidarietà a fronte di dichiarazione di esuberi nonostante i volumi in aumento. I CdS sono stati interrotti ad aprile per recuperare la produzione persa. 2) Da maggio a settembre assunzione degli interinali per recuperare la produzione persa. 3) Da ottobre a dicembre apertura della Cassa Integrazione Ordinaria per scaricare sull’INPS i costi di quelli che l’azienda ritiene “improduttivi”. Insomma per tutto l’anno la gestione del personale è stata ad uso e consumo dell’azienda che […]

    Continue Reading

  • Redazione, Sono stati “dimissionati”dalla Camusso Franco Tavella, segretario generale regionale e Federico Libertino, numero uno della Camera del lavoro metropolitana di Napoli. I due diretti interessati hanno fatto intravvedere motivi di tipo politico dietro alla decisione della Camusso che loro hanno dovuto accettare con il cappio alla gola. Per un attimo qualcuno ha pensato che dietro le quinte qualcosa si muovesse nella CGIL. Che una parte di questo sindacato, che con la sua politica “concertativa” è uno dei massimi responsabili della situazione completamente subalterna degli operai e del lavoro dipendente in generale rispetto ai padroni e ai loro servitori […] 0

    La crisi della CGIL a Napoli: pochi soldi, molti vizi

    Redazione, Sono stati “dimissionati”dalla Camusso Franco Tavella, segretario generale regionale e Federico Libertino, numero uno della Camera del lavoro metropolitana di Napoli. I due diretti interessati hanno fatto intravvedere motivi di tipo politico dietro alla decisione della Camusso che loro hanno dovuto accettare con il cappio alla gola. Per un attimo qualcuno ha pensato che dietro le quinte qualcosa si muovesse nella CGIL. Che una parte di questo sindacato, che con la sua politica “concertativa” è uno dei massimi responsabili della situazione completamente subalterna degli operai e del lavoro dipendente in generale rispetto ai padroni e ai loro servitori […]

    Continue Reading