Archive for 14 Dicembre, 2015

  • Redazione di Operai Contro, il servo dei padroni Renzi ed il suo governo pensano di essere dei maghi nella comunicazione oppure semplicemente che siamo tutti degli allocchi che si sono bevuti il cervello. Questa estate i pennivendoli hanno suonato la fanfara dell’azione di governo sul caporalato, responsabile a loro dire dei morti sul lavoro e del’l ipersfruttamento (come se esistesse un grado di sfruttamento accettabile. Ma i braccianti morti non lavoravano per i caporali ma per i padroni agricoli. La balla del “bollino etico” che governo dei padroni e padroni agricoli hanno tirato fuori dal cilindro, lo possono dare […] 0

    IL CAPITALISMO E’ SFRUTTAMENTO

    Redazione di Operai Contro, il servo dei padroni Renzi ed il suo governo pensano di essere dei maghi nella comunicazione oppure semplicemente che siamo tutti degli allocchi che si sono bevuti il cervello. Questa estate i pennivendoli hanno suonato la fanfara dell’azione di governo sul caporalato, responsabile a loro dire dei morti sul lavoro e del’l ipersfruttamento (come se esistesse un grado di sfruttamento accettabile. Ma i braccianti morti non lavoravano per i caporali ma per i padroni agricoli. La balla del “bollino etico” che governo dei padroni e padroni agricoli hanno tirato fuori dal cilindro, lo possono dare […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, la crociata contro l’ISIS perde i colpi. Una nave militare russa e una della guardia costiera hanno costretto lunedì 14 dicembre un’imbarcazione commerciale battente bandiera turca a cambiare rotta nel Mar Nero La tensione tra Russia e Turchia è alta da quando gli F-16 di Ankara hanno abbattuto un jet russo sul confine con la Siria,  Ieri, una nave da guerra di Mosca aveva sparato alcuni colpi di avvertimento contro un peschereccio turco per evitare una collisione nell’Egeo. La nave russa era ancorata quando hanno avvistato l’imbarcazione turca a mille metri di distanza a tribordo. […] 0

    LA GUERRA RUSSO TURCA

    Redazione di Operai Contro, la crociata contro l’ISIS perde i colpi. Una nave militare russa e una della guardia costiera hanno costretto lunedì 14 dicembre un’imbarcazione commerciale battente bandiera turca a cambiare rotta nel Mar Nero La tensione tra Russia e Turchia è alta da quando gli F-16 di Ankara hanno abbattuto un jet russo sul confine con la Siria,  Ieri, una nave da guerra di Mosca aveva sparato alcuni colpi di avvertimento contro un peschereccio turco per evitare una collisione nell’Egeo. La nave russa era ancorata quando hanno avvistato l’imbarcazione turca a mille metri di distanza a tribordo. […]

    Continue Reading

  • dall’ANSA Si rischia un’altra ondata di proteste e che gli animi tornino ad accendersi questa volta a Los Angeles, dopo che un uomo afroamericano di 28 anni e’ stato ucciso dalla polizia, intervenuta – si apprende dalle autoriatà – dopo la segnalazione della sua presenza nei pressi di una stazione di servizio mentre brandiva un’arma esplodendo anche colpi in aria. L’episodio e’ stato registrato in un video e nelle immagini si vedono due agenti dell’ufficio dello sceriffo della contea di Los Angeles che sparano ripetutamente e non si fermano nemmeno quando il giovane, probabilmente colpito, si accascia, volta le […] 0

    NEGLI USA CONTINUA LA CACCIA AL NERO

    dall’ANSA Si rischia un’altra ondata di proteste e che gli animi tornino ad accendersi questa volta a Los Angeles, dopo che un uomo afroamericano di 28 anni e’ stato ucciso dalla polizia, intervenuta – si apprende dalle autoriatà – dopo la segnalazione della sua presenza nei pressi di una stazione di servizio mentre brandiva un’arma esplodendo anche colpi in aria. L’episodio e’ stato registrato in un video e nelle immagini si vedono due agenti dell’ufficio dello sceriffo della contea di Los Angeles che sparano ripetutamente e non si fermano nemmeno quando il giovane, probabilmente colpito, si accascia, volta le […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Sono andati a votare meno del 60% dei Francesi. Il più grande partito resta quello degli astensionisti. Il partito di destra di Sarkozy ha battuto il partito di destra di Le Pen Il partito del socialfascista Hollande ha battuto il partito di destra di Le Pen Il fronte Nazionale di Le Pen vuole cacciare i mussulmani dalla Francia Il PS del socialfascista Hollande li vuole rinchiudere nei campi di concentramento grande vittoria della destra repubblicana Gli operai Francesi non hanno votato Un lettore Cronaca ANSA La Francia repubblicana alla riscossa, quasi il 60% alle urne […] 0

    LA RISCOSSA DELLA FRANCIA

    Redazione di Operai Contro, Sono andati a votare meno del 60% dei Francesi. Il più grande partito resta quello degli astensionisti. Il partito di destra di Sarkozy ha battuto il partito di destra di Le Pen Il partito del socialfascista Hollande ha battuto il partito di destra di Le Pen Il fronte Nazionale di Le Pen vuole cacciare i mussulmani dalla Francia Il PS del socialfascista Hollande li vuole rinchiudere nei campi di concentramento grande vittoria della destra repubblicana Gli operai Francesi non hanno votato Un lettore Cronaca ANSA La Francia repubblicana alla riscossa, quasi il 60% alle urne […]

    Continue Reading

  • Cara Redazione, il 2015 per la Fca di Melfi è stato un anno al fulmicotone!  – Così lo definisce in un articolo Il Mattino di Napoli che prosegue – “Da Melfi infatti quest’anno usciranno circa 400.000 vetture nuove di zecca contro le 100.000 circa del 2014. Un quadruplicamento numerico (ma l’aumento è molto più forte in termini di valore) che ha consentito proprio a questa fabbrica – l’unica in Europa a lavorare 7 giorni su 7 su 20 turni – di dare un grosso contributo alla crescita dell’intero Pil italiano del 2015”. Quadruplicato il numero di auto prodotte, in […] 0

    Melfi: auto quadruplicate, sfruttamento alle stelle

    Cara Redazione, il 2015 per la Fca di Melfi è stato un anno al fulmicotone!  – Così lo definisce in un articolo Il Mattino di Napoli che prosegue – “Da Melfi infatti quest’anno usciranno circa 400.000 vetture nuove di zecca contro le 100.000 circa del 2014. Un quadruplicamento numerico (ma l’aumento è molto più forte in termini di valore) che ha consentito proprio a questa fabbrica – l’unica in Europa a lavorare 7 giorni su 7 su 20 turni – di dare un grosso contributo alla crescita dell’intero Pil italiano del 2015”. Quadruplicato il numero di auto prodotte, in […]

    Continue Reading

  • Redazione, Non sono mai noiosi, questi giulavoristi: una categoria troppo spesso ignorata dai più, capace di auliche amenità al limite dell’umano. Lo (scudo)crociato Ichino torna a sparare dalla trincea; dopo avere cavalcato lo sciopero all’interporto di Bologna contro i licenziamenti operai a MR.JOB COOPERATIVA – YOOX (http://www.pietroichino.it/?p=37173) , Pietro il Grande ha trovato il nuovo nemico da affrontare: la clausola sociale che prevede la riassunzione di tutti i dipendenti in occasione dei cambi appalto. Che nel Paese governato da PD-LEGACOOP sono all’ordine del giorno. Anche se uscito dal feudo di Renzi&Poletti, Ichino si conferma un valido soldato, indispensabile per […] 0

    ICHINO: NUOVA CROCIATA CONTRO LA CLAUSOLA SOCIALE NEGLI APPALTI

    Redazione, Non sono mai noiosi, questi giulavoristi: una categoria troppo spesso ignorata dai più, capace di auliche amenità al limite dell’umano. Lo (scudo)crociato Ichino torna a sparare dalla trincea; dopo avere cavalcato lo sciopero all’interporto di Bologna contro i licenziamenti operai a MR.JOB COOPERATIVA – YOOX (http://www.pietroichino.it/?p=37173) , Pietro il Grande ha trovato il nuovo nemico da affrontare: la clausola sociale che prevede la riassunzione di tutti i dipendenti in occasione dei cambi appalto. Che nel Paese governato da PD-LEGACOOP sono all’ordine del giorno. Anche se uscito dal feudo di Renzi&Poletti, Ichino si conferma un valido soldato, indispensabile per […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, è chiaro che i padroni italiani, Eni in testa, alla Libia ci tengono particolarmente. Per la vicinanza geografica? Per senso di colpa verso le schifezze fatte nella ex colonia? Per ragioni umanitarie per i profughi dell’intera Africa che da quelle coste, se il mare non se li ingoia, approdano a Lampedusa? Per fermare le uccisioni frutto del conflitto tra le diverse fazioni che si sono spartite la Libia dopo l’uccisione 4 anni fa di Mu’ammar Gheddafi? Ma figuriamoci: è petrolio e gas naturale, e i profitti ad essi legati, che fa diventare dei “buon samaritani”, […] 0

    Roma, conferenza sulla Libia (senza i libici)

    Redazione di Operai Contro, è chiaro che i padroni italiani, Eni in testa, alla Libia ci tengono particolarmente. Per la vicinanza geografica? Per senso di colpa verso le schifezze fatte nella ex colonia? Per ragioni umanitarie per i profughi dell’intera Africa che da quelle coste, se il mare non se li ingoia, approdano a Lampedusa? Per fermare le uccisioni frutto del conflitto tra le diverse fazioni che si sono spartite la Libia dopo l’uccisione 4 anni fa di Mu’ammar Gheddafi? Ma figuriamoci: è petrolio e gas naturale, e i profitti ad essi legati, che fa diventare dei “buon samaritani”, […]

    Continue Reading