ISTAT 2014: ANNO NERO MA BUONA LA FIDUCIA

Redazione di Operai Contro, l’ISTAT è peggio dell’OVRA di Mussolini Signori ben pagati che confezionano statistiche buone per i padroni e il governo Il 2014 è stato per operai, lavoratori e pensionati un anno nero:: licenziamenti, cassa integrazione, miseria e povertà. I signori dell’ISTAT si sono inventati un dato: la fiducia. Il 2014 anno nero, ma la fiducia sale. Più stronzi di così si muore. Quelli dell’ISTAT si sono prenotati calci nel culo Vi invio un articolo dell’ANSA Un pensionato ANSA Il 2014 passa agli archivi come un altro anno ‘nero’ per il commercio al dettaglio, con le vendite […]

Redazione di Operai Contro,

l’ISTAT è peggio dell’OVRA di Mussolini

Signori ben pagati che confezionano statistiche buone per i padroni e il governo

Il 2014 è stato per operai, lavoratori e pensionati un anno nero:: licenziamenti, cassa integrazione, miseria e povertà.

I signori dell’ISTAT si sono inventati un dato: la fiducia.

Il 2014 anno nero, ma la fiducia sale.

Più stronzi di così si muore.

Quelli dell’ISTAT si sono prenotati calci nel culo

Vi invio un articolo dell’ANSA

Un pensionato

ANSA

Il 2014 passa agli archivi come un altro anno ‘nero’ per il commercio al dettaglio, con le vendite che scendono dell’1,2%. Lo rileva l’Istat. Si tratta del quarto anno consecutivo che chiude in calo, anche se rispetto al 2013 la caduta rallenta. Nel 2014 male sia il settore alimentare (-1,1%) che il resto dei comparti (-1,2%).

Calo vendite dicembre, ma +0,1% su anno – Un dicembre in chiaro scuro per il commercio al dettaglio, che su novembre subisce un calo dello 0,2%, tornando a scendere dopo tre mesi. Lo rileva l’Istat, che però registra un dato positivo, anche se solo dello 0,1%, su base annua, grazie alla spinta degli alimentari (+0,8%). D’altra parte dicembre è il mese delle feste Natalizie.

Balzo fiducia consumatori febbraio, top da 2002  – La fiducia dei consumatori a febbraio mette a segno un balzo, con l’indice che misura l’ottimismo che sale a 110,9 punti (da 104,4 di gennaio), al top dal giugno del 2002, ovvero quasi da tredici anni. Lo rileva l’Istat. Guardando ai principali eventi accaduti nel corso della rilevazione, si va dall’elezione del presidente della Repubblica ai dati positivi sull’occupazione.

Fiducia imprese febbraio a massimi da 2011 – La fiducia delle imprese a febbraio sale ai massimi dal giugno del 2011, con l’indice che si porta a 94,9 punti (da 91,6 di gennaio). Lo comunica l’Istat, spiegando che la rilevazione potrebbe risentire anche degli effetti di quanto accaduto negli ultimi giorni di gennaio, quando è stato annunciato il Qe.

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.