CI MANCANO LE MACERIE MA STANNO PER ARRIVARE

  Operai, ci davano per morti e in più occasioni politicanti di Dx e di Sx, a ROMA, per compiacere i padroni ci hanno scatenato contro un apparato repressivo che non si è fatto scrupoli di massacrare di botte gli operai facendoli tornare a casa con le teste spaccate. Operai, lottiamo per un posto di lavoro e ci massacrano di botte, un lavoro dove un operaio di terzo livello e alla catena di montaggio, dopo trenta anni percepisce un salario da fame che ammonta sì e no a 1200 Euro, quello dei giovani precari quando va bene non arriva […]

 

Operai, ci davano per morti e in più occasioni politicanti di Dx e di Sx, a ROMA, per compiacere i padroni ci hanno scatenato contro un apparato repressivo che non si è fatto scrupoli di massacrare di botte gli operai facendoli tornare a casa con le teste spaccate. Operai, lottiamo per un posto di lavoro e ci massacrano di botte, un lavoro dove un operaio di terzo livello e alla catena di montaggio, dopo trenta anni percepisce un salario da fame che ammonta sì e no a 1200 Euro, quello dei giovani precari quando va bene non arriva ai 900 Euro; le condizioni che viviamo nelle fabbriche le conosciamo: ritmi insostenibili, minacce e nonostante la crisi, che ha provocato un calo occupazionale, i morti e gli infortuni altamente invalidanti non sono diminuiti. I padroni a livello mondiale stanno attaccando il livello di vita di miliardi di operai, con la complicità di sovrastrutture di DX e SX , che fanno a gara per dimostrare ai capitalisti chi è più bravo a fare leggi che mettono gli operai a livello degli SCHIAVI. Matteo Renzi, sei un ciarlatano al servizio dei padroni, il Jobs Act rende gli operai schiavi; alle macerie sociali che stai provocando con leggi ad hoc per i padroni ci manca che tu aggiunga le macerie vere e proprie di una guerra militare, cosa che non è esclusa che farai con la scusa del terrorismo ISLAMICO. Sei anche molto scaltro, tu lo sai e lo sanno i padroni, che le condizioni che vivono gli operai possono provocare delle reazioni violente, cosa che io “AUSPICO” per questo, con la scusa del terrorismo e le paure che veicolate tra le persone con l’aiuto dei Mass- Media asserviti, schierate nelle strade ITALIANE L’ESERCITO, che non vi farete scrupoli a utilizzare contro gli operai che si ribelleranno utilizzandolo insieme a quell’apparato repressivo che già utilizzate molto spesso contro gli sfruttati, contro quelli che lottano per avere una casa e quelli che lottano per difendere il territorio che volete devastare. A tutte queste porcate, non si risponde con la raccolta di firme come propone la CGIL E LA FIOM per fare un referendum o una legge di iniziativa popolare ma con la lotta, una lotta vera che metta in discussione lo stato di cose presente che si ponga come obiettivo l’abbattimento della dittatura capitalista; questo non si fa con le chiacchiere ma in modo organizzato e l’unica organizzazione possibile è il PARTITO OPERAIO. Non ci sono alternative: o subiamo la guerra fratricida dei PADRONI e quindi la miseria e la schiavitù del lavoro salariato, o facciamo la GUERRA AI PADRONI per costruire un mondo migliore senza sfruttatori e SCHIAVI. Non sarà un pranzo di gala ma conquistare la libertà purtroppo richiede sacrifici.

A.L.

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.