L’ULTIMATUM DELLA UE AL POPOLO GRECO

E rottura fra la Grecia e l’Eurogruppo, con tanto di ultimatum da parte degli altri partner della zona euro che chiedono ad Atene di decidere entro venerdì se accettare o meno un’estensione dell’attuale programma di rientro del debito. Un piano che Atene, ha respinto al mittente definendo le proposte degli altri ministri dell’Eurozona “assurde ed inaccettabili”. Il compromesso proposto dall’Eurogruppo prevede, fra l’altro, che le autorità greche accettino di “concludere con successo il programma, tenendo in considerazione i piani del nuovo governo” e con “la massima flessibilità nell’attuale programma”. Ma per Atene non era abbastanza. Noi operai Greci non […]

E rottura fra la Grecia e l’Eurogruppo, con tanto di ultimatum da parte degli altri partner della zona euro che chiedono ad Atene di decidere entro venerdì se accettare o meno un’estensione dell’attuale programma di rientro del debito.

Un piano che Atene, ha respinto al mittente definendo le proposte degli altri ministri dell’Eurozona “assurde ed inaccettabili”. Il compromesso proposto dall’Eurogruppo prevede, fra l’altro, che le autorità greche accettino di “concludere con successo il programma, tenendo in considerazione i piani del nuovo governo” e con “la massima flessibilità nell’attuale programma”. Ma per Atene non era abbastanza.

Noi operai Greci non dobbiamo pagare nessun debito.

I padroni della UE vogliono attaccarci per difendere i padroni Greci

La Germania nazista e l’Italia fascista durante la seconda guerra mondiale ci attaccarono.

Non hanno mai  pagato i danni.

Sono i padroni europei in debito con gli operai Greci

Tsipras mantenga le promesse elettorali.

Armi gli operai

Un operaio greco

 

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.