COMUNICATO LAVORATORI DELLA SCALA

COMUNICATO SINDACALE “Non ci togliamo il cappello!” I delegati e i lavoratori CGIL del Teatro mantengono la posizione espressa dall’assemblea degli iscritti e ribadita il 28 gennaio scorso ai vertici della Camera del Lavoro di Milano. Il Primo Maggio resta una data indisponibile ad ogni trattativa: continuiamo a non comprendere la pervicacia con cui la Direzione insiste nel non voler modificare la data della Prima di Turandot. Agli attacchi che abbiamo ricevuto dai media, ultimamente si sono aggiunti quelli di alcuni soggetti sindacali, compresi illustri dirigenti locali e nazionali della nostra organizzazione, che usando in modo strumentale e squallido […]

COMUNICATO SINDACALE
“Non ci togliamo il cappello!”
I delegati e i lavoratori CGIL del Teatro mantengono la posizione
espressa dall’assemblea degli iscritti e ribadita il 28 gennaio
scorso ai vertici della Camera del Lavoro di Milano.
Il Primo Maggio resta una data indisponibile ad ogni trattativa:
continuiamo a non comprendere la pervicacia con cui la Direzione
insiste nel non voler modificare la data della Prima di Turandot.
Agli attacchi che abbiamo ricevuto dai media, ultimamente si sono
aggiunti quelli di alcuni soggetti sindacali, compresi illustri
dirigenti locali e nazionali della nostra organizzazione, che usando
in modo strumentale e squallido la demagogia sulle morti bianche,
ci vogliono “comandare” al lavoro.
Che strana democrazia sindacale quella nella quale chi dovrebbe
rappresentare l’interesse dei lavoratori si pone contro la
maggioranza degli stessi!
Giuseppe Di Vittorio: “ La Cgil ha insegnato ai poveri contadini a non
togliersi il cappello di fronte ai latifondisti”.
RSA SLCCGIL
Teatro alla Scala, Milano
3 febbraio 2015

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.