Archive for Febbraio, 2015

  • Redazione di operai contro dopo il processo Eternit, anche a milano sono assolti i dirigenti dell’ENEL Gli operai vengono ammazzati e la magistratura assolve i padroni e i loro scagnozzi. Per 60 anni, dagli anni ’30 ai ’90, fino a che l’amianto non è stato messo al bando nel 1992, l’Enel non ha preso alcuna «misura di sicurezza per proteggere i lavoratori esposti alle polveri» della sostanza cancerogena nella storica centrale termoelettrica di Turbigo, alle porte di Milano. Sono stati assolti dal Tribunale di Milano «per non aver commesso il fatto» quattro ex dirigenti Enel imputati per omicidio colposo […] 0

    I MAGISTRATI ASSOLVONO SEMPRE I PADRONI

    Redazione di operai contro dopo il processo Eternit, anche a milano sono assolti i dirigenti dell’ENEL Gli operai vengono ammazzati e la magistratura assolve i padroni e i loro scagnozzi. Per 60 anni, dagli anni ’30 ai ’90, fino a che l’amianto non è stato messo al bando nel 1992, l’Enel non ha preso alcuna «misura di sicurezza per proteggere i lavoratori esposti alle polveri» della sostanza cancerogena nella storica centrale termoelettrica di Turbigo, alle porte di Milano. Sono stati assolti dal Tribunale di Milano «per non aver commesso il fatto» quattro ex dirigenti Enel imputati per omicidio colposo […]

    Continue Reading

  • Ennesima aggressione a un delegato SI.Cobas Comunicato stampaQuesta sera, alle 18,30, giunto sotto casa dopo il rientro dal lavoro, Flavius Rad, delegato SI.Cobas presso l’Italia Logistica di Peschiera Borromeo, è stato aggredito e pestato a tradimento da due ignoti. Flavius, fondatore del Cobas in Italia Logistica, promotore del Cobas alla RHIAG di Siziano teatro di recenti scontri con i caporali legati all’UGL (sindacato para-fascista), ha dovuto ricorrere al ricovero ospedaliero. Questo ennesimo episodio di violenza, dalla matrice palesemente politica, si inserisce nel solco della sistematica violenza con cui il padronato (nelle sue svariate forme e componenti) cerca di fronteggiare […] 0

    Ennesima aggressione a un delegato SI.Cobas

    Ennesima aggressione a un delegato SI.Cobas Comunicato stampaQuesta sera, alle 18,30, giunto sotto casa dopo il rientro dal lavoro, Flavius Rad, delegato SI.Cobas presso l’Italia Logistica di Peschiera Borromeo, è stato aggredito e pestato a tradimento da due ignoti. Flavius, fondatore del Cobas in Italia Logistica, promotore del Cobas alla RHIAG di Siziano teatro di recenti scontri con i caporali legati all’UGL (sindacato para-fascista), ha dovuto ricorrere al ricovero ospedaliero. Questo ennesimo episodio di violenza, dalla matrice palesemente politica, si inserisce nel solco della sistematica violenza con cui il padronato (nelle sue svariate forme e componenti) cerca di fronteggiare […]

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, con il Jobs Act, l’affamatore Renzi ha svelato cosa intende per “tutele crescenti”. Anche nelle aziende sopra i 15 dipendenti, i padroni possono licenziare molto più facilmente, grazie a Renzi che con l’articolo 18 ha abolito la giusta causa nei licenziamenti. L’azienda potrà insindacabilmente, licenziare per motivi economici. Mentre per motivi discriminatori e disciplinari, spetterà al giudice stabilire la fondatezza del licenziamento. Anche nel caso il giudice dia ragione al lavoratore, non ci sarà reintegro al posto di lavoro, ma un indennizzo pari a 2 mensilità per ogni anno di lavoro. L’indennizzo non potrà essere sotto […] 0

    Il nuovo licenziamento individuale

    Caro Operai Contro, con il Jobs Act, l’affamatore Renzi ha svelato cosa intende per “tutele crescenti”. Anche nelle aziende sopra i 15 dipendenti, i padroni possono licenziare molto più facilmente, grazie a Renzi che con l’articolo 18 ha abolito la giusta causa nei licenziamenti. L’azienda potrà insindacabilmente, licenziare per motivi economici. Mentre per motivi discriminatori e disciplinari, spetterà al giudice stabilire la fondatezza del licenziamento. Anche nel caso il giudice dia ragione al lavoratore, non ci sarà reintegro al posto di lavoro, ma un indennizzo pari a 2 mensilità per ogni anno di lavoro. L’indennizzo non potrà essere sotto […]

    Continue Reading

  • Redazione, nel silenzio assoluto, il parlamento dei padroni ha rifinanziato le guerre di conquista dell’esercito italiano. Operai ci affamano per finanziare le loro guerre Operai i padroni italiani assassinano noi in fabbrica e massacrano donne e bambini Operai, i sindacalisti devono smetterla di difendere i padroni Operai è ora di spazzarli via Un operaio Dal fatto quotidiano Insieme alla nuova legislazione antiterrorismo, martedì in Consiglio dei ministri è stato approvato anche il decreto di rifinanziamento delle missioni militari italiane all’estero. Compresa la nuova campagna irachena contro l’Isis, che ci costerà mezzo milione di euro al giorno, e la vecchia missione in […] 0

    ITALIA: LA GUERRA DEI PADRONI

    Redazione, nel silenzio assoluto, il parlamento dei padroni ha rifinanziato le guerre di conquista dell’esercito italiano. Operai ci affamano per finanziare le loro guerre Operai i padroni italiani assassinano noi in fabbrica e massacrano donne e bambini Operai, i sindacalisti devono smetterla di difendere i padroni Operai è ora di spazzarli via Un operaio Dal fatto quotidiano Insieme alla nuova legislazione antiterrorismo, martedì in Consiglio dei ministri è stato approvato anche il decreto di rifinanziamento delle missioni militari italiane all’estero. Compresa la nuova campagna irachena contro l’Isis, che ci costerà mezzo milione di euro al giorno, e la vecchia missione in […]

    Continue Reading

  • Documento inedito che mostra come gli operai della FCA Sata di Melfi, in provincia diPotenza, hanno accolto i nuovi accordi sui turni di lavoro alla catena di montaggio. Quando i delegati sindacali illustrano il piano, i lavoratori ricoprono difischi e insulti i loro rappresentanti. A fare le spese della durissima contestazionesoprattutto Marco Roselli della Fismic Facebook Comments 0

    MELFI: LA RABBIA OPERAIA CONTRO I SINDACALISTI DEL PADRONE

    Documento inedito che mostra come gli operai della FCA Sata di Melfi, in provincia diPotenza, hanno accolto i nuovi accordi sui turni di lavoro alla catena di montaggio. Quando i delegati sindacali illustrano il piano, i lavoratori ricoprono difischi e insulti i loro rappresentanti. A fare le spese della durissima contestazionesoprattutto Marco Roselli della Fismic Facebook Comments

    Continue Reading

  • Redazione, ritengo utile che voi pubblichiate l’intervista a Moni Ovadia del fatto quotidiano. Moni Ovadia denuncia lo schifo del parlamento dei padroni Un lettore Moni Ovadia, scrittore e drammaturgo ebreo, da sempre attento alle istanze del popolo palestinese. Oggi l’aula della Camera ha votato sul riconoscimento dello Stato di Palestina. La maggioranza ha presentato due mozioni: quella del Pd prevedeva esplicitamente il riconoscimento, quella di Ncd no. Sono state votate entrambe. “È una vergogna. C’è da vergognarsi, veramente da vergognarsi di essere cittadini di un paese da burletta come questo. Siamo in una situazione normalmente italiana: domani i palestinesi diranno […] 0

    Riconoscimento Palestina, Moni Ovadia: “Politici vigliacchi, rimpiango Andreotti”

    Redazione, ritengo utile che voi pubblichiate l’intervista a Moni Ovadia del fatto quotidiano. Moni Ovadia denuncia lo schifo del parlamento dei padroni Un lettore Moni Ovadia, scrittore e drammaturgo ebreo, da sempre attento alle istanze del popolo palestinese. Oggi l’aula della Camera ha votato sul riconoscimento dello Stato di Palestina. La maggioranza ha presentato due mozioni: quella del Pd prevedeva esplicitamente il riconoscimento, quella di Ncd no. Sono state votate entrambe. “È una vergogna. C’è da vergognarsi, veramente da vergognarsi di essere cittadini di un paese da burletta come questo. Siamo in una situazione normalmente italiana: domani i palestinesi diranno […]

    Continue Reading

  • Redazione, i sindacalisti mazzetttari della Fim-Uilm-Fismic cantano le lodi di Marchionne. I sindacalisti venduti parlano degli operai felici. Non è proprio così Gli operai della FIAT Sata nelle ultime assemblee hanno dimostrato di essere pronti alla lotta. Vi invio un articolo Un operaio Fiat sata da http://www.fiom-cgil.it/ Si sono svolte le assemble e dei dipendenti Fca-Sata (già Fiat) di Melfi sull’accordo raggiunto nella tarda serata di giovedì 26 febbraio tra la direzione dello stabilimento e Fim-Uilm-Fismic. L’intesa prevede una turnistica che copre l’intera settimana – 20 turni – senza riduzione d’orario né reale aumento di salario, per soddisfare le nuove […] 0

    Melfi, i lavoratori bocciano l’intesa sui turni

    Redazione, i sindacalisti mazzetttari della Fim-Uilm-Fismic cantano le lodi di Marchionne. I sindacalisti venduti parlano degli operai felici. Non è proprio così Gli operai della FIAT Sata nelle ultime assemblee hanno dimostrato di essere pronti alla lotta. Vi invio un articolo Un operaio Fiat sata da http://www.fiom-cgil.it/ Si sono svolte le assemble e dei dipendenti Fca-Sata (già Fiat) di Melfi sull’accordo raggiunto nella tarda serata di giovedì 26 febbraio tra la direzione dello stabilimento e Fim-Uilm-Fismic. L’intesa prevede una turnistica che copre l’intera settimana – 20 turni – senza riduzione d’orario né reale aumento di salario, per soddisfare le nuove […]

    Continue Reading

  • Redazione, dopo un periodo di prove generali, senza riposi per noi operai, con le multiple e molte volte false comandate neanche sancite dal contratto, la Fiat a Melfi con la complicità dei sindacati bianchi e gialli, in cambio di assunzioni precarie e ricattabili, ci chiede di lavorare anche il sabato notte, la domenica pomeriggio e la domenica notte. La spremitura non è per tutti, ma solo per chi non ha ancora problemi di salute e può essere spremuto per bene. A molti di noi ci hanno tenuto a casa durante la cassa integrazione perché non producevamo abbastanza, dicevano. Ad […] 0

    CRONACHE DA MELFI

    Redazione, dopo un periodo di prove generali, senza riposi per noi operai, con le multiple e molte volte false comandate neanche sancite dal contratto, la Fiat a Melfi con la complicità dei sindacati bianchi e gialli, in cambio di assunzioni precarie e ricattabili, ci chiede di lavorare anche il sabato notte, la domenica pomeriggio e la domenica notte. La spremitura non è per tutti, ma solo per chi non ha ancora problemi di salute e può essere spremuto per bene. A molti di noi ci hanno tenuto a casa durante la cassa integrazione perché non producevamo abbastanza, dicevano. Ad […]

    Continue Reading

  • dal fatto quotidiano Licenziate per aver scioperato contro il lavoro precario. Si è conclusa con una lettera di licenziamento l’esperienza lavorativa di Caterina e delle sue colleghe, commesse nel punto vendita Alcott di via Ugo Bassi a Bologna, finché, in seguito a uno sciopero indetto il 20 dicembre scorso, sono state lasciate a casa dall’azienda per ragioni disciplinari. Per aver, appunto, protestato davanti alle vetrine del negozio, durante il periodo natalizio, contro le condizioni lavorative a cui erano sottoposte, tutte precarie a tempo determinato o con contratto di apprendistato. “Parliamo di stipendi pagati in ritardo – racconta Caterina, che con le ex colleghe ha intenzione […] 0

    Bologna, licenziate dopo uno sciopero. Cinque commesse: “Lotteremo”

    dal fatto quotidiano Licenziate per aver scioperato contro il lavoro precario. Si è conclusa con una lettera di licenziamento l’esperienza lavorativa di Caterina e delle sue colleghe, commesse nel punto vendita Alcott di via Ugo Bassi a Bologna, finché, in seguito a uno sciopero indetto il 20 dicembre scorso, sono state lasciate a casa dall’azienda per ragioni disciplinari. Per aver, appunto, protestato davanti alle vetrine del negozio, durante il periodo natalizio, contro le condizioni lavorative a cui erano sottoposte, tutte precarie a tempo determinato o con contratto di apprendistato. “Parliamo di stipendi pagati in ritardo – racconta Caterina, che con le ex colleghe ha intenzione […]

    Continue Reading

  • Redazione Operai Contro, Sono Battista operaio di una fabbrica in provincia di Novara e Vi scrivo perchè riteniamo io e i miei colleghi molto negativo e devastante l’approvazione del nuovo decreto che riguarda tutti coloro che perderanno il posto di lavoro perché licenziati. Nel decreto dei nuovi ammortizzatori sociali viene introdotta la Naspi che sostituisce ASpI e mini ASpI. Nel decreto si dice che < Chi verrà licenziato a partire dal primo maggio 2015 e abbia almeno 13 settimane di contribuzione negli ultimi quattro anni e almeno 18 giornate effettive di lavoro negli ultimi 12 mesi gli verrà riconosciuta un’indennità basata sulla retribuzione, non potrà superare […] 0

    Nuovi ammortizzatori sociali, nuova fregatura per gli operai  

    Redazione Operai Contro, Sono Battista operaio di una fabbrica in provincia di Novara e Vi scrivo perchè riteniamo io e i miei colleghi molto negativo e devastante l’approvazione del nuovo decreto che riguarda tutti coloro che perderanno il posto di lavoro perché licenziati. Nel decreto dei nuovi ammortizzatori sociali viene introdotta la Naspi che sostituisce ASpI e mini ASpI. Nel decreto si dice che < Chi verrà licenziato a partire dal primo maggio 2015 e abbia almeno 13 settimane di contribuzione negli ultimi quattro anni e almeno 18 giornate effettive di lavoro negli ultimi 12 mesi gli verrà riconosciuta un’indennità basata sulla retribuzione, non potrà superare […]

    Continue Reading