Archive for 25 Gennaio, 2015

  • Redazione, La Grecia sterza a sinistra e lo fa in maniera decisiva, con Tsipras che vola verso il 40% secondo gli exit poll dopo le elezioni nel Paese. Syriza, il partito di sinistra di Alexis Tsipras, ha stravinto con percentuali tra il 35,5% e il 39,5% dei voti, secondo i primi exit poll. Secondo partito sarebbe Nuova Democrazia tra il il 23 e il 27%. Terzo partito a pari merito Potami (centrosinistra) Alba Dorata (neonazisti) tra il 6,4% e l’8%. “E’ una vittoria storica. E’ la vittoria del popolo che si è mobilitato contro l’austerità”. E’ questo uno dei primo […] 0

    GRECIA: E ORA?

    Redazione, La Grecia sterza a sinistra e lo fa in maniera decisiva, con Tsipras che vola verso il 40% secondo gli exit poll dopo le elezioni nel Paese. Syriza, il partito di sinistra di Alexis Tsipras, ha stravinto con percentuali tra il 35,5% e il 39,5% dei voti, secondo i primi exit poll. Secondo partito sarebbe Nuova Democrazia tra il il 23 e il 27%. Terzo partito a pari merito Potami (centrosinistra) Alba Dorata (neonazisti) tra il 6,4% e l’8%. “E’ una vittoria storica. E’ la vittoria del popolo che si è mobilitato contro l’austerità”. E’ questo uno dei primo […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, i padroni occidentali stanno massacrando con i bombardamenti il popolo mussulmano Nessuno potrà poi lamentarsi della loro risposta. La grande coalizione guidata da Obama ha compiuto più di 4000 raid aerei massacrando donne e bambini. Secondo le stime degli assassini del Pentagono, dall’inizio dei raid aerei della coalizione in Iraq e in Siria sono stati uccisi più di 6.000 civili:donne e bambini Al rappresentante diplomatico ha fatto eco il segretario di Stato,John Kerry: “L’Iraq e i suoi partner internazionali hanno eliminato migliaia di combattenti dell’Isis e il 50% della sua leadership”, ha detto il capo della diplomazia Usa al termine del vertice […] 0

    Pentagono: “Nei raid in Iraq e Siria uccisi oltre 6.000 militanti “jihadisti”

    Redazione di Operai Contro, i padroni occidentali stanno massacrando con i bombardamenti il popolo mussulmano Nessuno potrà poi lamentarsi della loro risposta. La grande coalizione guidata da Obama ha compiuto più di 4000 raid aerei massacrando donne e bambini. Secondo le stime degli assassini del Pentagono, dall’inizio dei raid aerei della coalizione in Iraq e in Siria sono stati uccisi più di 6.000 civili:donne e bambini Al rappresentante diplomatico ha fatto eco il segretario di Stato,John Kerry: “L’Iraq e i suoi partner internazionali hanno eliminato migliaia di combattenti dell’Isis e il 50% della sua leadership”, ha detto il capo della diplomazia Usa al termine del vertice […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, il dittatore Al Sisi celebra il suo colpo di stato Quattro morti e scontri in tutto il Paese. L’Egitto ricorda il quarto anniversario della rivoluzione che nel 2011 ha portato alla caduta dell’allora presidente Hosni Mubarak( liberato dal dittatore al Sisi) con manifestazioni e cortei e ritorna nel caos. Al Cairo Shaimaa el-Sabbagh, dirigente 33enne di un piccolo partito di sinistra, è stata uccisa dalle forze dell’ordine con un proiettile di gomma alla testa Un manifestante dei Fratelli musulmani è rimasto ucciso negli scontri con le forze dell’ordine ad Alessandria. Scontri fra manifestanti dei Fratelli musulmani […] 0

    Egitto, manifestazioni per anniversario rivoluzione: polizia ed esercito sparano

    Redazione di Operai Contro, il dittatore Al Sisi celebra il suo colpo di stato Quattro morti e scontri in tutto il Paese. L’Egitto ricorda il quarto anniversario della rivoluzione che nel 2011 ha portato alla caduta dell’allora presidente Hosni Mubarak( liberato dal dittatore al Sisi) con manifestazioni e cortei e ritorna nel caos. Al Cairo Shaimaa el-Sabbagh, dirigente 33enne di un piccolo partito di sinistra, è stata uccisa dalle forze dell’ordine con un proiettile di gomma alla testa Un manifestante dei Fratelli musulmani è rimasto ucciso negli scontri con le forze dell’ordine ad Alessandria. Scontri fra manifestanti dei Fratelli musulmani […]

    Continue Reading

  • Redazione, L’Ansaldo ha deciso di far cessare ad aprile prossimo l’attività dello stabilimento di Gioia del Colle (Ba): i 197 addetti, fra cui 150 operai, verranno messi in mobilità. La ragione? La riduzione degli ordini di acquisti. Come sempre, il padrone, quando gli affari vanno bene, mette al giogo gli operai, quando invece vanno male, li butta in mezzo alla strada! E come sempre Fiom e Fim cadono dal pero (la Uilm tace). Scrivono in una nota: “Apprendiamo con stupore la decisione di Ansaldo Caldaie, Gruppo Sofinter, di cessare l’attività produttiva del sito di Gioia del Colle con la […] 0

    GIOIA DEL COLLE: L’ANSALDO CHIUDE, 150 OPERAI IN MOBILITÀ

    Redazione, L’Ansaldo ha deciso di far cessare ad aprile prossimo l’attività dello stabilimento di Gioia del Colle (Ba): i 197 addetti, fra cui 150 operai, verranno messi in mobilità. La ragione? La riduzione degli ordini di acquisti. Come sempre, il padrone, quando gli affari vanno bene, mette al giogo gli operai, quando invece vanno male, li butta in mezzo alla strada! E come sempre Fiom e Fim cadono dal pero (la Uilm tace). Scrivono in una nota: “Apprendiamo con stupore la decisione di Ansaldo Caldaie, Gruppo Sofinter, di cessare l’attività produttiva del sito di Gioia del Colle con la […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, è ripreso ad Andria  il sit-in di protesta, all’ingresso del centro commerciale di Andria, dei lavoratori del punto vendita Euronics, di proprietà del gruppo Siem Media Puglia srl. A partire da marzo prossimo saremo senza lavoro perchè l’azienda ha avviato la procedura di licenziamento collettivo per crisi. Dopo un anno di contratto di solidarietà, i 20 dipendenti hanno ricevuto la comunicazione dell’avvio della procedura di licenziamento collettivo per crisi. Altro che ripresa, altro che bazooka, altro che turbo Per i lavoratori ci sono solo licenziamenti Un lavoratore Euronics Facebook Comments 0

    Protesta ad Andria dei lavoratori Euronics 20 licenziati da marzo

    Redazione di Operai Contro, è ripreso ad Andria  il sit-in di protesta, all’ingresso del centro commerciale di Andria, dei lavoratori del punto vendita Euronics, di proprietà del gruppo Siem Media Puglia srl. A partire da marzo prossimo saremo senza lavoro perchè l’azienda ha avviato la procedura di licenziamento collettivo per crisi. Dopo un anno di contratto di solidarietà, i 20 dipendenti hanno ricevuto la comunicazione dell’avvio della procedura di licenziamento collettivo per crisi. Altro che ripresa, altro che bazooka, altro che turbo Per i lavoratori ci sono solo licenziamenti Un lavoratore Euronics Facebook Comments

    Continue Reading

  • dalla gazzetta del mezzogiorno TARANTO – Le voci che circolano fanno riferimento a cifre choc: 5mila dipendenti dell’Ilva, quasi il 50 per cento dell’intera forza-lavoro nello stabilimento di Taranto, potrebbero essere collocati in cassa integrazione a rotazione. Si tratta del numero massimo che l’azienda avrebbe già indicato alle organizzazioni sindacali e che sarà oggetto di trattativa al Ministero dello Sviluppo Economico a partire da martedì prossimo. Si parla di cassa integrazione e non più del ricorso ai contratti di solidarietà che per due anni avevano interessato un numero massimo di 3.553 lavoratori. Il meno doloroso degli ammortizzatori sociali era […] 0

    Ilva, cig a rotazione per 5000 operai

    dalla gazzetta del mezzogiorno TARANTO – Le voci che circolano fanno riferimento a cifre choc: 5mila dipendenti dell’Ilva, quasi il 50 per cento dell’intera forza-lavoro nello stabilimento di Taranto, potrebbero essere collocati in cassa integrazione a rotazione. Si tratta del numero massimo che l’azienda avrebbe già indicato alle organizzazioni sindacali e che sarà oggetto di trattativa al Ministero dello Sviluppo Economico a partire da martedì prossimo. Si parla di cassa integrazione e non più del ricorso ai contratti di solidarietà che per due anni avevano interessato un numero massimo di 3.553 lavoratori. Il meno doloroso degli ammortizzatori sociali era […]

    Continue Reading

  • Sull’isola di Java in Indonesia, il vulcano attivo Ijen presenta una grande miniera di zolfo all’interno del suo cratere. Qui da circa 40 anni circa 400 minatori si calano tra i fumi tossici ed estraggono l’elemento dalle lastre delle pareti vulcaniche. Il fotografo Taufan Wijaya li ha immortalati mentre trasportano per più di 9 km carichi di zolfo che arrivano anche al doppio del loro peso corporeo, tra esalazioni tossiche e salite durissime. Tutto per circa 6 euro al giorno.  Operai questi minatori sono nostri fratelli che il padrone ha condannato a morte 3 / 11 Facebook Comments 0

    Indonesia, minatori di zolfo costretti a lavorare nel cratere di un vulcano attivo

    Sull’isola di Java in Indonesia, il vulcano attivo Ijen presenta una grande miniera di zolfo all’interno del suo cratere. Qui da circa 40 anni circa 400 minatori si calano tra i fumi tossici ed estraggono l’elemento dalle lastre delle pareti vulcaniche. Il fotografo Taufan Wijaya li ha immortalati mentre trasportano per più di 9 km carichi di zolfo che arrivano anche al doppio del loro peso corporeo, tra esalazioni tossiche e salite durissime. Tutto per circa 6 euro al giorno.  Operai questi minatori sono nostri fratelli che il padrone ha condannato a morte 3 / 11 Facebook Comments

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, Armani, Fendi, Vuitton, Benetton, Prada, Dior, Ferrè, Valentino, Max Mara, Ferragamo, l’alta moda è prodotta da operai in condizioni di schiavitù, a 500 – 600 euro al mese. Ti mando un articolo del “Fatto Quotidiano”. Saluti Bruno Casca. Moda, la Cina è qui da noi: le griffe sfruttano il lavoro come a Prato Secondo il report della ong Abiti Puliti “nelle filiere italiane pochi soldi e turni anche di 12 ore, spesso in nero”. Nel rapporto sono citati quasi tutti i grandi gruppi, da Louis Vuitton a Prada: nessuna legge li obbliga a controllare ciò che […] 0

    Si scrive Alta Moda si legge super sfruttamento

    Caro Operai Contro, Armani, Fendi, Vuitton, Benetton, Prada, Dior, Ferrè, Valentino, Max Mara, Ferragamo, l’alta moda è prodotta da operai in condizioni di schiavitù, a 500 – 600 euro al mese. Ti mando un articolo del “Fatto Quotidiano”. Saluti Bruno Casca. Moda, la Cina è qui da noi: le griffe sfruttano il lavoro come a Prato Secondo il report della ong Abiti Puliti “nelle filiere italiane pochi soldi e turni anche di 12 ore, spesso in nero”. Nel rapporto sono citati quasi tutti i grandi gruppi, da Louis Vuitton a Prada: nessuna legge li obbliga a controllare ciò che […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Il gangster Renzi ha salvato i padroni dell’ILVA, ma non gli operai. L’Ilva potrebbe presentare la richiesta di cassa integrazione per un numero massimo, a rotazione, di 5mila dipendenti dopo la conclusione del periodo dei contratti di solidarietà scaduti ieri. Per due anni i dipendenti sospesi dall’attività lavorativa per ridimensionamento della produzione o fermo degli impianti in manutenzione hanno usufruito dei contratti di solidarietà. La proroga di un anno firmata nel febbraio del 2014 coinvolgeva un numero massimo di 3.553 unità. Tetto che sembra destinato a salire a causa del fermo di altri impianti. Intanto […] 0

    ILVA: 5 MILA OPERAI IN CASSA INTEGRAZIONE

    Redazione di Operai Contro, Il gangster Renzi ha salvato i padroni dell’ILVA, ma non gli operai. L’Ilva potrebbe presentare la richiesta di cassa integrazione per un numero massimo, a rotazione, di 5mila dipendenti dopo la conclusione del periodo dei contratti di solidarietà scaduti ieri. Per due anni i dipendenti sospesi dall’attività lavorativa per ridimensionamento della produzione o fermo degli impianti in manutenzione hanno usufruito dei contratti di solidarietà. La proroga di un anno firmata nel febbraio del 2014 coinvolgeva un numero massimo di 3.553 unità. Tetto che sembra destinato a salire a causa del fermo di altri impianti. Intanto […]

    Continue Reading

  • Redazione di operai contro, la guerra in ucraina non ha mai avuto termine. Truppe fedeli ai padroni di kiev, sostenute dai padroni occidentali, e truppe sostenute dai padroni Russi, continuano a massacrare i civili: donne, bambini e uomini. Dopo le stragi dei giorni scorsi, ieri c’è stato un lancio di missili  Grad sul mercato di Mariupol. E in Ucraina è strage. Decine di morti e quasi cento feriti nell’ultimo attacco sferrato suMariupol, dove almeno 30 persone – di cui due bambini – hanno perso la vita. I separatisti filo padroni russi hanno confermato ufficialmente di aver lanciato un’offensiva su larga scala […] 0

    UCRAINA: NUOVI MASSACRI DI CIVILI

    Redazione di operai contro, la guerra in ucraina non ha mai avuto termine. Truppe fedeli ai padroni di kiev, sostenute dai padroni occidentali, e truppe sostenute dai padroni Russi, continuano a massacrare i civili: donne, bambini e uomini. Dopo le stragi dei giorni scorsi, ieri c’è stato un lancio di missili  Grad sul mercato di Mariupol. E in Ucraina è strage. Decine di morti e quasi cento feriti nell’ultimo attacco sferrato suMariupol, dove almeno 30 persone – di cui due bambini – hanno perso la vita. I separatisti filo padroni russi hanno confermato ufficialmente di aver lanciato un’offensiva su larga scala […]

    Continue Reading