Archive for 10 Gennaio, 2015

  • STORIE DI VITA DI UNA BRACCIANTE, SECONDA PARTE. Dopo un po’ di tempo “presto” di nuovo la tastiera a mia sorella, bracciante agricola, per raccontare altre vicende lavorative, sue e di altri braccianti. Una volta si diceva che “il personale è politico”, in quest’epoca, qualunquista e individualista non ciò non è più di moda, ma io voglio parlare di una vicenda personale per ricavarne conseguenze politiche. Mia sorella ha un tumore al seno, probabilmente acquisito, anche, per il suo lavoro, ed è di questo che voglio parlare prestandole di nuovo la tastiera per farle raccontare le condizioni dei braccianti […] 0

    STORIE DI VITA

    STORIE DI VITA DI UNA BRACCIANTE, SECONDA PARTE. Dopo un po’ di tempo “presto” di nuovo la tastiera a mia sorella, bracciante agricola, per raccontare altre vicende lavorative, sue e di altri braccianti. Una volta si diceva che “il personale è politico”, in quest’epoca, qualunquista e individualista non ciò non è più di moda, ma io voglio parlare di una vicenda personale per ricavarne conseguenze politiche. Mia sorella ha un tumore al seno, probabilmente acquisito, anche, per il suo lavoro, ed è di questo che voglio parlare prestandole di nuovo la tastiera per farle raccontare le condizioni dei braccianti […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, i  giornalisti leccaculo della borghesia hanno la memoria e la vista corta. Quanti civili sono morti nei bombardamenti in Siria, Iraq e Afganistan la settimana scorsa? Nessuno lo sa, nessun giornalista borghese si sogna di fare un’inchiesta  da questa prospettiva. Che peso hanno i civili morti nella guerra in corso? come sempre dipende dai mezzi di propaganda a disposizione dei belligeranti. Vi allego un articolo sulla strage del 1961 a Parigi, pubblicata nel 2009 dal numero 130 di Operai Contro   FRANCESI MUSSULMANI D’ALGERIA Una strage dimenticata: la battaglia di Parigi del 17/10/1961 Nell’agosto del […] 0

    DEI PESI E DELLE MISURE

    Redazione di Operai Contro, i  giornalisti leccaculo della borghesia hanno la memoria e la vista corta. Quanti civili sono morti nei bombardamenti in Siria, Iraq e Afganistan la settimana scorsa? Nessuno lo sa, nessun giornalista borghese si sogna di fare un’inchiesta  da questa prospettiva. Che peso hanno i civili morti nella guerra in corso? come sempre dipende dai mezzi di propaganda a disposizione dei belligeranti. Vi allego un articolo sulla strage del 1961 a Parigi, pubblicata nel 2009 dal numero 130 di Operai Contro   FRANCESI MUSSULMANI D’ALGERIA Una strage dimenticata: la battaglia di Parigi del 17/10/1961 Nell’agosto del […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, il gangster Renzi, ha detto ‘pagare tutti fino all’ultimo’; Evidentemente questo non vale per la strage di Viareggio e per tutte quelle stragi, come l’Eternit, dove sono morte persone innocenti per le negligenze e le colpe di qualcuno. Il fuoco bruciò vive 32 persone nel disastro ferroviario di Viareggio del 29 giugno 2009. Il rischio è che dopo 6 anni il reato di incendio colposo cada inprescrizione. A lanciare l’allarme è Il Mondo che Vorrei, l’associazione dei familiari delle vittime. La presidente Daniela Rombi, che nella strage ha perso la figlia Emanuela di 21 anni, dichiara […] 0

    Strage Viareggio, rischia di cadere in prescrizione il reato di incendio colposo

    Redazione di Operai Contro, il gangster Renzi, ha detto ‘pagare tutti fino all’ultimo’; Evidentemente questo non vale per la strage di Viareggio e per tutte quelle stragi, come l’Eternit, dove sono morte persone innocenti per le negligenze e le colpe di qualcuno. Il fuoco bruciò vive 32 persone nel disastro ferroviario di Viareggio del 29 giugno 2009. Il rischio è che dopo 6 anni il reato di incendio colposo cada inprescrizione. A lanciare l’allarme è Il Mondo che Vorrei, l’associazione dei familiari delle vittime. La presidente Daniela Rombi, che nella strage ha perso la figlia Emanuela di 21 anni, dichiara […]

    Continue Reading

  • Redazione, Nel momento in cui la retorica viene utilizzata dai padroni e politici per sviluppare l’odio contro i mussulmani in Francia e in tutta l’europa, ritengo utile proporvi questo scritto. Ne avrei potuto scegliere centomila Un lettore Fabio Gambaro – “La Repubblica” del 14 ottobre 2001 Ci sono voluti quarant’anni perché la Francia si decidesse a fare luce sulla sale guerre che, tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta il suo esercito ha combattuto in Algeria contro il Fronte di Liberazione. Per quarant’anni, infatti, quella “guerra sporca” in difesa di uno degli ultimi pezzi dell’impero coloniale […] 0

    STUPRI DI MASSA IN ALGERIA LA DENUNCIA DI UNA STORICA FRANCESE

    Redazione, Nel momento in cui la retorica viene utilizzata dai padroni e politici per sviluppare l’odio contro i mussulmani in Francia e in tutta l’europa, ritengo utile proporvi questo scritto. Ne avrei potuto scegliere centomila Un lettore Fabio Gambaro – “La Repubblica” del 14 ottobre 2001 Ci sono voluti quarant’anni perché la Francia si decidesse a fare luce sulla sale guerre che, tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta il suo esercito ha combattuto in Algeria contro il Fronte di Liberazione. Per quarant’anni, infatti, quella “guerra sporca” in difesa di uno degli ultimi pezzi dell’impero coloniale […]

    Continue Reading

  • Redazione, dall’8  novembre occupiamo la sala di rappresentanza del Comune di Carrara per chiedere le dimissioni della giunta di centro-sinistra, in seguito all’ultima, l’ennesima – al 2003 se ne sono contate 4 – alluvione che ha messo in ginocchio la città. Son passati due mesi. Continuiamo a chiedere le dimissioni della giunta. 1 / 16   A portare avanti da due mesi il presidio ci sono giovani e giovanissimi, studenti o lavoratori. Ma anche donne e uomini con i figli piccoli al seguito. Liberi professionisti, avvocati, operai, architetti. E ancora attori, musicisti, fotografi, cassaintegrati e disoccupati. E infine i pensionati, come […] 0

    Carrara, Comune occupato da due mesi” Non abbandonare la città”

    Redazione, dall’8  novembre occupiamo la sala di rappresentanza del Comune di Carrara per chiedere le dimissioni della giunta di centro-sinistra, in seguito all’ultima, l’ennesima – al 2003 se ne sono contate 4 – alluvione che ha messo in ginocchio la città. Son passati due mesi. Continuiamo a chiedere le dimissioni della giunta. 1 / 16   A portare avanti da due mesi il presidio ci sono giovani e giovanissimi, studenti o lavoratori. Ma anche donne e uomini con i figli piccoli al seguito. Liberi professionisti, avvocati, operai, architetti. E ancora attori, musicisti, fotografi, cassaintegrati e disoccupati. E infine i pensionati, come […]

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, c’’è poco da aggiungere al fatto che Renzi, mentre continua a blaterale ovunque, cercando di dare una veste “innovativa” alla politica del suo governo, in realtà fa un uso e abuso del potere a senso unico: misure a difesa dei padroni e degli strati agiati da una parte; dall’altra disprezzo e imbarbarimento delle misure che regolano i contratti e i rapporti di lavoro; taglio degli ammortizzatori sociali allargando l’area dei poveri e del disagio sociale. E poi uno sfacciato nepotismo, della serie facce da culo. Allego un articolo del “Fatto quotidiano”. Saluti da un vostro lettore. […] 0

    Renzi: della serie facce da culo

    Caro Operai Contro, c’’è poco da aggiungere al fatto che Renzi, mentre continua a blaterale ovunque, cercando di dare una veste “innovativa” alla politica del suo governo, in realtà fa un uso e abuso del potere a senso unico: misure a difesa dei padroni e degli strati agiati da una parte; dall’altra disprezzo e imbarbarimento delle misure che regolano i contratti e i rapporti di lavoro; taglio degli ammortizzatori sociali allargando l’area dei poveri e del disagio sociale. E poi uno sfacciato nepotismo, della serie facce da culo. Allego un articolo del “Fatto quotidiano”. Saluti da un vostro lettore. […]

    Continue Reading

  • per il dibattito dal fatto quotidiano Il massacro degli inveterati libertini, gli anarchici irridenti di Charlie Hebdo, non merita davvero una commemorazione tutta buoni sentimenti e luoghi comuni, retoriche e ipocrisia; palese negazione della loro cifra intellettuale: l’uso demistificante della ragione critica, contro cui si sono accaniti i tagliagole nerovestiti. 1) “Siamo tutti Charlie” proclamano i retori pronto intervento in una sagra del perbenismo compunto; dimenticando che sino al giorno prima quel giornale era oggetto di riprovazione sdegnata da parte dell’opinione benpensante, per il suo cinismo amorale e sessuomane. Lo stesso sdegno che aveva accompagnato fino dall’inizio Hara-Kiri, il […] 0

    Charlie Hebdo, retorica e ipocrisie

    per il dibattito dal fatto quotidiano Il massacro degli inveterati libertini, gli anarchici irridenti di Charlie Hebdo, non merita davvero una commemorazione tutta buoni sentimenti e luoghi comuni, retoriche e ipocrisia; palese negazione della loro cifra intellettuale: l’uso demistificante della ragione critica, contro cui si sono accaniti i tagliagole nerovestiti. 1) “Siamo tutti Charlie” proclamano i retori pronto intervento in una sagra del perbenismo compunto; dimenticando che sino al giorno prima quel giornale era oggetto di riprovazione sdegnata da parte dell’opinione benpensante, per il suo cinismo amorale e sessuomane. Lo stesso sdegno che aveva accompagnato fino dall’inizio Hara-Kiri, il […]

    Continue Reading

  • Politica & Palazzo Giovanna Tedde, che fa parte della giunta di Bonorva, in provincia di Sassari, con delega alla Cultura e alle Politiche giovanili, su Facebook invita gli islamici a “morire tutti ammazzati”. Dopo le proteste, le dimissioni dal Fatto Quotidiano di Costanza Bonacossa | 9 gennaio 2015 “Voglio che questo post sia chiaro: non accetto richieste di amicizia da parte di musulmani. Per quanto mi riguarda, e vista l’emergenza di questi anni circa il vostro ‘popolo’, potete morire ammazzati tutti. Compresi i bambini. Siete feccia che prolifera in nome di un dio che ignorate essere come quello degli altri […] 0

    l’assessore ai musulmani: “Avreste dovuto subire l’Olocausto”

    Politica & Palazzo Giovanna Tedde, che fa parte della giunta di Bonorva, in provincia di Sassari, con delega alla Cultura e alle Politiche giovanili, su Facebook invita gli islamici a “morire tutti ammazzati”. Dopo le proteste, le dimissioni dal Fatto Quotidiano di Costanza Bonacossa | 9 gennaio 2015 “Voglio che questo post sia chiaro: non accetto richieste di amicizia da parte di musulmani. Per quanto mi riguarda, e vista l’emergenza di questi anni circa il vostro ‘popolo’, potete morire ammazzati tutti. Compresi i bambini. Siete feccia che prolifera in nome di un dio che ignorate essere come quello degli altri […]

    Continue Reading

  • Redazione, i massacri di civili a Gaza sono stati dimenticati, ma non hanno dimenticato i bambini di Gaza Avete ragione la guerra scatenata dai padroni nel nostro secolo è prima di tutto è guerra contro i civili: donne e bambini Vi invio un articolo da http://www.aljazeera.com/ Un lettore Gaza City – Le stanze dell’Istituto al-Amal per orfani nella città di Gaza potrebbe appartenere a qualsiasi bambino, con Donald adesivi, Anatra intonacate alle pareti e farcito orsacchiotti disposte in file sui copriletti ordinate. Ma la luminosità è una facciata: Questi bambini disegnano: Essi delineano razzi e aerei da combattimento israeliani, le […] 0

    I BAMBINI DI GAZA

    Redazione, i massacri di civili a Gaza sono stati dimenticati, ma non hanno dimenticato i bambini di Gaza Avete ragione la guerra scatenata dai padroni nel nostro secolo è prima di tutto è guerra contro i civili: donne e bambini Vi invio un articolo da http://www.aljazeera.com/ Un lettore Gaza City – Le stanze dell’Istituto al-Amal per orfani nella città di Gaza potrebbe appartenere a qualsiasi bambino, con Donald adesivi, Anatra intonacate alle pareti e farcito orsacchiotti disposte in file sui copriletti ordinate. Ma la luminosità è una facciata: Questi bambini disegnano: Essi delineano razzi e aerei da combattimento israeliani, le […]

    Continue Reading

  • Redazione, il padrone della Natuzzi, con la complicità dei sindacalisti e dei politici fa quello che vuole Sono anni che periodicamente ci mette in cassa. Il padrone risparmia e noi ci rimettiamo il salario. Oltre 1500 operai sono in cassa e dichiarati operai in esubero : da licenziare «Ridurre gli esuberi strutturali dai 1506 dipendenti, definiti in data 10 ottobre 2013, a 623, che rimarrebbero in cassa integrazione a zero ore grazie al trasferimento all’interno del perimetro industriale italiano di Natuzzi, alle condizioni di costo di trasformazione previste dal business plan, di una parte importante di sedute della linea […] 0

    Natuzzi, promesse del padrone e taglio dei salari del 10%

    Redazione, il padrone della Natuzzi, con la complicità dei sindacalisti e dei politici fa quello che vuole Sono anni che periodicamente ci mette in cassa. Il padrone risparmia e noi ci rimettiamo il salario. Oltre 1500 operai sono in cassa e dichiarati operai in esubero : da licenziare «Ridurre gli esuberi strutturali dai 1506 dipendenti, definiti in data 10 ottobre 2013, a 623, che rimarrebbero in cassa integrazione a zero ore grazie al trasferimento all’interno del perimetro industriale italiano di Natuzzi, alle condizioni di costo di trasformazione previste dal business plan, di una parte importante di sedute della linea […]

    Continue Reading