Archive for 1 Giugno, 2014

  • Caro Direttore, dopo i servigi che per anni ha fatto ai padroni facendone pagare il prezzo agli operai, la Camusso pensa di mettersi in politica? Ecco una sua dichiarazione: “Credo che sia il momento di pensare a un grande partito unico della sinistra”. Camusso da scettica sull’operato di Renzi, dopo averlo visto in azione da capo del governo è molto soddisfatta e dichiara: “bisogna difendere il 40% dei voti e se possibile aumentare”. Ma quale 40% se i voti validi sono meno del 50%, tenendo conto di astenuti, schede nulle e bianche? La Camusso vuole saltare sul carro del […] 0

    Camusso ha fatto passi da gigante

    Caro Direttore, dopo i servigi che per anni ha fatto ai padroni facendone pagare il prezzo agli operai, la Camusso pensa di mettersi in politica? Ecco una sua dichiarazione: “Credo che sia il momento di pensare a un grande partito unico della sinistra”. Camusso da scettica sull’operato di Renzi, dopo averlo visto in azione da capo del governo è molto soddisfatta e dichiara: “bisogna difendere il 40% dei voti e se possibile aumentare”. Ma quale 40% se i voti validi sono meno del 50%, tenendo conto di astenuti, schede nulle e bianche? La Camusso vuole saltare sul carro del […]

    Continue Reading

  • Francesco Ficiarà operaio Fiat, licenziato per discriminazione deve tornare al suo posto di lavoro. Ficiarà è un operaio ribelle, ha coscienza di essere uno schiavo che lavora per far arricchire il suo padrone e resiste ad ogni sopruso. La Fiat poteva licenziarlo per questo motivo? Avrebbe calpestato le stesse leggi costituzionali che prevedono libertà di espressione e di organizzazione, di resistenza sindacale. La Fiat per giustificare il licenziamento ha dovuto inventarsi scarso rendimento, atti di insubordinazione inesistenti. Il giudice non ha potuto fare altro che annullare il licenziamento. La Fiat come al solito ha fatto ricorso, ha i soldi […] 26

    Ficiarà deve tornare al suo posto di lavoro

    Francesco Ficiarà operaio Fiat, licenziato per discriminazione deve tornare al suo posto di lavoro. Ficiarà è un operaio ribelle, ha coscienza di essere uno schiavo che lavora per far arricchire il suo padrone e resiste ad ogni sopruso. La Fiat poteva licenziarlo per questo motivo? Avrebbe calpestato le stesse leggi costituzionali che prevedono libertà di espressione e di organizzazione, di resistenza sindacale. La Fiat per giustificare il licenziamento ha dovuto inventarsi scarso rendimento, atti di insubordinazione inesistenti. Il giudice non ha potuto fare altro che annullare il licenziamento. La Fiat come al solito ha fatto ricorso, ha i soldi […]

    Continue Reading

  • Enedina Rosas e Juan Carlos Flores, leader comunitari dello Stato de Puebla (Messico) sono stati incarcerati in seguito ad una denuncia della transnazionale italiana Bonatti Spa. La procedura penale 121/2014 è stata iniziata dal Giudice penale de Atlixco per il reato di opposizione alla realizzazione di un’opera pubblica e di furto aggravato. Enedina è una signora de 60 anni, Presidente del Comissariato ejidal del pueblo indigeno de San Felipe Xonacayucan, che si é opposto alla costruzione di un gaseodotto sulle sue terre. Il 17 marzo scorso si è messa a capo della sua gente per sfrattare pacificamente i lavoratori […] 0

    Appello di solidarietà internazionale.

    Enedina Rosas e Juan Carlos Flores, leader comunitari dello Stato de Puebla (Messico) sono stati incarcerati in seguito ad una denuncia della transnazionale italiana Bonatti Spa. La procedura penale 121/2014 è stata iniziata dal Giudice penale de Atlixco per il reato di opposizione alla realizzazione di un’opera pubblica e di furto aggravato. Enedina è una signora de 60 anni, Presidente del Comissariato ejidal del pueblo indigeno de San Felipe Xonacayucan, che si é opposto alla costruzione di un gaseodotto sulle sue terre. Il 17 marzo scorso si è messa a capo della sua gente per sfrattare pacificamente i lavoratori […]

    Continue Reading

  • Operai, sostenitori, se dovete fare la denuncia dei redditi: destinate il 5 per mille a Operai Contro, questo il codice fiscale: 97111310153. E’facilissimo! Sostieni la causa degli operai Finanzia con il 5 per mille L’Associazione culturale Robotnik (onlus) Il giornale “Operai Contro”. Firma nel riquadro “sostegno del volontariato” del cud o 730 o L’Unico indica il codice fiscale dell’Associazione 97111310153 non lasciamo che questi soldi vadano allo Stato e ai preti. La classe operaia emancipando se stessa emancipa tutta l’umanità.   Operai, sostenitori, se non dovete fare la denuncia dei redditi: destinate il 5 per mille a Operai Contro, questo il […] 0

    IL CINQUE PER MILLE

    Operai, sostenitori, se dovete fare la denuncia dei redditi: destinate il 5 per mille a Operai Contro, questo il codice fiscale: 97111310153. E’facilissimo! Sostieni la causa degli operai Finanzia con il 5 per mille L’Associazione culturale Robotnik (onlus) Il giornale “Operai Contro”. Firma nel riquadro “sostegno del volontariato” del cud o 730 o L’Unico indica il codice fiscale dell’Associazione 97111310153 non lasciamo che questi soldi vadano allo Stato e ai preti. La classe operaia emancipando se stessa emancipa tutta l’umanità.   Operai, sostenitori, se non dovete fare la denuncia dei redditi: destinate il 5 per mille a Operai Contro, questo il […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Matteo Renzi rilancia il suo bluff. Dopo il bagno elettorale fa ripartire l’orologio, in tutti i sensi. Ricordiamo che alle elezioni del 25 Maggio gli operai non hanno votato Ricordiamo che il Partito di Renzi ha preso il 40% del 57% cioè il 22% dei votanti Ricordiamo che gli astensionisti hanno ottenuto il 43% sul 100% Renzi rilancia le Riforme istituzionali, del fisco, della giustizia, della Pubblica amministrazione. Tutte questioni già sul tavolo, già dal giorno della celebre conferenza stampa con le slide. Nel primo calendario di Renzi le riforme dovevano essere già fatte. Ma l’orologio riparte da ora. E […] 0

    RENZI SBLOCCA – ITALIA

    Redazione di Operai Contro, Matteo Renzi rilancia il suo bluff. Dopo il bagno elettorale fa ripartire l’orologio, in tutti i sensi. Ricordiamo che alle elezioni del 25 Maggio gli operai non hanno votato Ricordiamo che il Partito di Renzi ha preso il 40% del 57% cioè il 22% dei votanti Ricordiamo che gli astensionisti hanno ottenuto il 43% sul 100% Renzi rilancia le Riforme istituzionali, del fisco, della giustizia, della Pubblica amministrazione. Tutte questioni già sul tavolo, già dal giorno della celebre conferenza stampa con le slide. Nel primo calendario di Renzi le riforme dovevano essere già fatte. Ma l’orologio riparte da ora. E […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, diciamo la verità. Sentivamo la mancanza del pistolotto Meno male è arrivato In Italia c’è «la necessità di forti cambiamenti». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio televisivo in occasione del 2 giugno. Il presidente si rivolge a un’Italia «che ora può parlare a voce alta in Europa» e sottolinea l’ottimismo del momento: «Celebriamo quest’anno la Festa della Repubblica con animo più fiducioso. Perché si è fatta strada la necessità di forti cambiamenti in campi fondamentali». Poi in un passaggio sulle riforme Napolitano auspica «un’intesa civile» e dice: «basta inconcludenze». […] 0

    2 GIUGNO

    Redazione di Operai Contro, diciamo la verità. Sentivamo la mancanza del pistolotto Meno male è arrivato In Italia c’è «la necessità di forti cambiamenti». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio televisivo in occasione del 2 giugno. Il presidente si rivolge a un’Italia «che ora può parlare a voce alta in Europa» e sottolinea l’ottimismo del momento: «Celebriamo quest’anno la Festa della Repubblica con animo più fiducioso. Perché si è fatta strada la necessità di forti cambiamenti in campi fondamentali». Poi in un passaggio sulle riforme Napolitano auspica «un’intesa civile» e dice: «basta inconcludenze». […]

    Continue Reading

  • PER IL DIBATTITO Redazione di OperaiContro, chi ancora dice che “in Italia non ci sono più gli operai” non ha ovviamente capito un cazzo. Basterebbe mettere la testa fuori dalla sabbia. C’è anche chi lo dice con pelose motivazioni, con il fine di spostare i riflettori sulla propria condizione sociale: il famoso “noi siamo i veri nuovi schiavi” quelli “messi peggio di tutti”. E c’è anche chi lo afferma indirettamente, costruendo una conseguente linea politica di cancellazione delle lotte nelle fabbriche, fatti salvi slogan e dichiarazioni di formale circostanza. Questo capita nel mondo della “sinistra” sempre più intellettualoide e […] 0

    LA FABBRICA È ANCORA IL FULCRO DEL PROFITTO

    PER IL DIBATTITO Redazione di OperaiContro, chi ancora dice che “in Italia non ci sono più gli operai” non ha ovviamente capito un cazzo. Basterebbe mettere la testa fuori dalla sabbia. C’è anche chi lo dice con pelose motivazioni, con il fine di spostare i riflettori sulla propria condizione sociale: il famoso “noi siamo i veri nuovi schiavi” quelli “messi peggio di tutti”. E c’è anche chi lo afferma indirettamente, costruendo una conseguente linea politica di cancellazione delle lotte nelle fabbriche, fatti salvi slogan e dichiarazioni di formale circostanza. Questo capita nel mondo della “sinistra” sempre più intellettualoide e […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, il popolo siciliano ha tre nemici: i padroni, i politici e i mafiosi. E’ difficile riconoscere le differenze tra i padroni, i politici e i mafiosi. Spesso sono le stesse persone Coi fondi pubblici, gli onorevoli dell’Assemblea regionali, gli onorevoli si pagavano salumi, bistecche, mazzi di mimose, bollette dell’Enel, libri, la gita scolastica, tablet, raccolte di fumetti, pranzi e regali di nozze, che avrebbero dovuto pagare di tasca propria. Il giornale fatto quotidiano pubblica un articolo che ti invio Un disoccupato di Gela  Non solo tablet, raccolte di fumetti, necrologi, pranzi e regali di nozze. Coi fondi pubblici, i gruppi […] 0

    Sicilia, tra le spese pazze dei parlamentari cassate, necrologi, bollette e canone Rai

    Redazione di Operai Contro, il popolo siciliano ha tre nemici: i padroni, i politici e i mafiosi. E’ difficile riconoscere le differenze tra i padroni, i politici e i mafiosi. Spesso sono le stesse persone Coi fondi pubblici, gli onorevoli dell’Assemblea regionali, gli onorevoli si pagavano salumi, bistecche, mazzi di mimose, bollette dell’Enel, libri, la gita scolastica, tablet, raccolte di fumetti, pranzi e regali di nozze, che avrebbero dovuto pagare di tasca propria. Il giornale fatto quotidiano pubblica un articolo che ti invio Un disoccupato di Gela  Non solo tablet, raccolte di fumetti, necrologi, pranzi e regali di nozze. Coi fondi pubblici, i gruppi […]

    Continue Reading

  • Lettori,  riportiamo le cronache della guerra in Ucraina perché la stampa dei padroni occidentali vuole farla passare come una normale azione di polizia. L’Ucraina non esiste più. Da una parte i soldati e i mercenari del re del cioccolato autoproclamatosi presidente dell’Ucraina. Dall’altra una larga parte della popolazione delle regioni confinanti con la Russia che chiedono l’indipendenza e hanno chiesto l’appoggio dei russi. I padroni russi appoggiano i ribelli, ma fanno accordi con il re del cioccolato di Kiev Operai guerra ai padroni Sono ripresi nella notte i bombardamenti dell’artiglieria dei padroni di Kiev sulla martoriata città di Sloviansk, […] 0

    CRONACA DELLA GUERRA IN UCRAINA

    Lettori,  riportiamo le cronache della guerra in Ucraina perché la stampa dei padroni occidentali vuole farla passare come una normale azione di polizia. L’Ucraina non esiste più. Da una parte i soldati e i mercenari del re del cioccolato autoproclamatosi presidente dell’Ucraina. Dall’altra una larga parte della popolazione delle regioni confinanti con la Russia che chiedono l’indipendenza e hanno chiesto l’appoggio dei russi. I padroni russi appoggiano i ribelli, ma fanno accordi con il re del cioccolato di Kiev Operai guerra ai padroni Sono ripresi nella notte i bombardamenti dell’artiglieria dei padroni di Kiev sulla martoriata città di Sloviansk, […]

    Continue Reading

  • “Arresteremo chi manifesta”! Erdogan il capo del governo turco, annuncia il pugno di ferro contro le manifestazioni. “Non potete occupare Taksim, come avete fatto l’anno scorso, dovete rispettare la legge”, ha detto Erdogan durante un discorso a Istanbul di fronte a migliaia di suoi sostenitori. “Se ci andate”, ha avvertito “alle nostre forze sicurezza sono state date istruzioni chiare”. Per ordine dello stesso Erdogan è stato aumentato il turno di lavoro di ogni agente a 12 ore. Rinforzi sono arrivati negli ultimi giorni da 11 province del paese. Al momento intorno piazza Taksim e nelle strade limitrofe agiscono migliaia […] 0

    Turchia: vietato manifestare

    “Arresteremo chi manifesta”! Erdogan il capo del governo turco, annuncia il pugno di ferro contro le manifestazioni. “Non potete occupare Taksim, come avete fatto l’anno scorso, dovete rispettare la legge”, ha detto Erdogan durante un discorso a Istanbul di fronte a migliaia di suoi sostenitori. “Se ci andate”, ha avvertito “alle nostre forze sicurezza sono state date istruzioni chiare”. Per ordine dello stesso Erdogan è stato aumentato il turno di lavoro di ogni agente a 12 ore. Rinforzi sono arrivati negli ultimi giorni da 11 province del paese. Al momento intorno piazza Taksim e nelle strade limitrofe agiscono migliaia […]

    Continue Reading